BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPENDING REVIEW/ Arrigo: Iva e tagli, così il Governo "scarica" l’Italia

Pubblicazione:venerdì 6 luglio 2012 - Ultimo aggiornamento:venerdì 6 luglio 2012, 17.39

Infophoto Infophoto

Questo è più che mai evidente, con pochi conti. Se si pensa a quello 0,5% di taglio della spesa pubblica e invece al crollo dei consumi dovuto ai tagli sui redditi dei cittadini, che sono almeno del 5%, si capisce bene la filosofia di questo governo. Quale tipo di visione ha questo “governo dei tecnici”. Prevale sempre una concezione centralistica, una sorta di Stato napoleonico senza Napoleone, ma con degli aspiranti azzeccagarbugli.

 

Anche l’accorpamento delle Province sembra pasticciato.

 

Ma anche in questo caso non c’è un’idea chiara. Il problema, a mio avviso, non sono nemmeno le Province, ma le competenze attuali che sono assegnate alle Province. Forse potrebbero essere utili in qualche altro modo, con altre competenze e funzioni.

 

Poi c’è un autentico salasso per Regioni e Comuni. Soprattutto le Regioni sono già sul “piede di guerra”.

 

Questa è la classica politica dello “scaricabarile finanziario”. Non riescono a ridurre le spese nella “casa madre” e scaricano il tutto sulle “controllate”. È l’ennesimo intervento di questo tipo da molti anni a questa parte. Mi chiedo continuamente perché vanno a caccia di risparmi e di tagli sulle controllate dei comuni e non guardano quello che avviene a livello centrale. Ma perché non cominciano soprattutto dalla testa?

 

Evitano comunque l’aumento dell’Iva nei prossimi mesi. Hanno spostato tutto a luglio del 2013, tra un anno.

 

Hanno spostato tutto a quando non saranno più al governo, probabilmente. Ma in tutti i casi danno un messaggio sbagliato ai consumatori, che continueranno a non consumare come stanno facendo in questi mesi. Che messaggio è un aumento indiscriminato dell’Iva di due punti su tutti i beni, anche quelli primari ed essenziali? Per alcuni generi di consumi non si potrebbero ridurre? Dimostrano solamente un vizio centralista e statalista, anche in questo caso.

 

(Gianluigi Da Rold)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
06/07/2012 - I capelli si tagliano, poi si allungano ancora. (claudia mazzola)

Non è vero che non "hanno il quadro", sanno benissimo la situazione: è che più di così cosa possono fare? Bella domanda, si cerca una risposta!