BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ 2. Italia e Monti, dalle stelle alle stalle in sette giorni

Pubblicazione:sabato 7 luglio 2012

Infophoto Infophoto

In questo complessivo marasma (come chiamarlo altrimenti?), dove si scoprono dati e stime sempre peggiori, sempre al ribasso, giorno dopo giorno, o settimana dopo settimana, la politica degli Stati e delle autorità monetarie internazionali non cambia. L’unica soluzione che si continua a trovare, magari tecnicamente, è quella di imporre sacrifici ai cittadini. L’ultima operazione del Premier Mario Monti è la famosa spending review straordinaria, con un taglio della spesa pubblica dello 0,5% nel 2012, rispetto a un crollo dei consumi che sfiora il 7%, a una perdita dei redditi reali (stima del Fmi) di due punti percentuali e a una escalation di tasse e balzelli vari.

Il meno che si possa dire è che di fronte a questa crisi, affrontata soprattutto in Europa e in Italia con un’austerità fuori dal comune, i governi e il nostro governo vivono esclusivamente alla giornata o magari alla settimana. È per questo che si passano dei week-end felici e dei week-end apocalittici. È un tipico modo di vivere senza una visione o una guida.

A questo punto, dato che ormai tutti se ne sono accorti, è inutile dire che la situazione è sempre grave e critica, occorre aggiungere che non si vedono vie d’uscita, soprattutto con questo tipo di politiche economiche che, nel giro di sette mesi, hanno peggiorato la situazione dopo aver costretto i cittadini a sacrifici durissimi.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
07/07/2012 - Monti o non Monti (Diego Perna)

Monti o non Monti, tagli o non tagli, tasse o non tasse, iva o non iva e tutto quel che si vuole, non è possibile e non lo sarà, star dietro a mercati finanziari fondati sulla speculazione dove i denaro si moltiplica all'infinito senza equilibrio alcuno con la vita il mondo e l'economia reale. Ai voglia a dare spiegazioni, bisogna rivedere tutto il sistema, è una crisi di sistema a cui poco possono i sacrifici delle persone. Potremmo lavorare gratis non ammalarci mai e tutto quanto Monti o qualsiasi governo potrebbe imporre alle persone sacrificando tutto al nulla, perchè ormai la finanza è il nulla di cui siamo sudditi, e non risolvere un tubo.