BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Faia (Goethe University): la Finlandia non uscirà dall’euro, ecco perché

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Nessuno ha ragione di opporsi perché così com'è è innocuo, da tutti i punti di vista. Il documento finale del consiglio considerava la possibilità di usare l'attuale Fondo Salva Stati per  ricapitalizzare direttamente banche o per comprare titoli di paesi in difficoltà. Non si è parlato di aumentare la dotazione del fondo o di garantire interventi illimitati (l'attuale tetto del fondo è assolutamente insufficiente per salvare banche e stati che  richiedessero il suo utilizzo). Inoltre il suo utilizzo è stato condizionato a una valutazione sul fatto che il paese richiedente stia rispettando i dettami del fiscal compact: questa valutazione si potrà fare solo alla fine dell'anno quando si vedranno quali paesi sono riusciti a centrare gli obiettivi di deficit. Credo al contrario che sia forse troppo ottimistica la visione di  alcuni paesi sulle reali cessioni fatte sull'utilizzo del Fondo: questo, forse, serviva come segnale per calmare mercati e le pressioni  politiche interne.
 

 

Crede che la Germania, invece, abbia ragioni adeguate per opporsi agli Eurobond? Come giudica il piano dei “cinque saggi” del governo tedesco?
 

 

L'esistenza del piano del Fondo di Redenzione dei cinque saggi (di fatto un piano su eurobond) dimostra che la Germania non si oppone a  questa ipotesi di per sé ma alla interpretazione degli eurobond fatta  dai paesi Mediterranei.

 

Cosa intende?

 

Gli eurobond sono emissione di debito e in quanto tali richiedono delle garanzie per essere ripagati: il piano dei cinque saggi prevedeva un orizzonte di rientro dal debito molto lungo (fino a venti anni; cioè quasi una generazione) e proponeva che  il paese che richiedeva di emettere eurobond fornisse una garanzia  reale (oro o altre attività del paese, o simili) pari al 20% del debito. Le condizioni erano chiaramente molto vantaggiose (nessuno offrirebbe un prestito chiedendo solo il 20% come garanzia). Molti  economisti (anche in altri paesi) lo ritenevano uno dei piani  migliori. Il piano sarebbe stato poi un passo concreto verso un'unione  fiscale: fornendo una visione di lungo periodo avrebbe sicuramente  calmato i mercati. E' stato un errore da parte di Spagna e Italia non discutere nell'ultimo consiglio questo piano o il piano di Draghi o eventuali controproposte e concentrarsi invece su misure tampone, come  gli interventi del cosidetto scudo anti-spread, che invece possono  avere solo effetti di breve periodo (fino alla prossima emergenza).

 

Pensa che l’euro sia destinato a scomparire o durerà?

 

Spero che duri.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.