BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Faia (Goethe University): la Finlandia non uscirà dall’euro, ecco perché

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Il subbuglio sembra essersi impadronito dell’ordine economico e politico europeo. Mentre gli spread sono e rimangono incontenibili e il crollo delle borse non si arresta nonostante gli annunci di rimedi universali quali il Fondo taglia-spread o il taglio dei tassi, un Paese considerato virtuoso e affidabile come la Finlandia si lancia in dichiarazioni allarmanti. «La Finlandia non resterà legata all'euro a qualsiasi costo, e ci prepariamo a tutti gli scenari possibili», ha detto il ministro delle Finanze finlandese Jutta Urpilainen, ribadendo il no del suo Paese al Fondo. Semplice provocazione o minaccia da prendere in seria considerazione? Lo abbiamo chiesto a Ester Faia, professoressa di politica monetaria e fiscale presso la Goethe  University di Francoforte.

 

Crede che la Finlandia possa realmente uscire dall’euro come ha minacciato?

 

La Finlandia ha spesso preso delle posizioni estreme, ma non  sempre ha dato seguito alle sue minacce. Sicuramente, adesso, si sente un paese forte e può magari ritenere che i costi dello stare nell'euro (contribuire ai salvataggi e al Fondo salva-stati) possano oltrepassare i costi dell'uscirne, vale a dire la possibilità perdita di competitività associata alla rivalutazione  della sua nuova moneta.

 

Ci sarebbero ripercussioni anche sugli altri Paesi?

 

L'uscita di un paese dall'euro ha conseguenze imprevedibili: è possibile che altri paesi seguano e come ha dichiarato Schäuble la disintegrazione dell'euro avrebbe costi incalcolabili.

 

Esiste qualche Paese europeo al quale l’uscita dall’euro converrebbe?

 

A mano a mano che i costi di salvare i paesi indisciplinati salgono e a mano a mano che diventa evidente che ripristinare la disciplina o la solvibilità diventa difficile (in alcuni casi come la  Grecia impossibile) una serie di paesi potrebbero considerare la permanenza nella divisa unica troppa costosa.
 

 

Confindustria afferma che i vantaggi di una moneta svalutata sarebbero annullati  dagli svantaggi nell’acquistare all’esterno i singoli pezzi per costruire un prodotto da esportare. E’ d’accordo?

 

Confindustria ha ragione e non solo per la motivazione che adduce. Uno dei motivi per cui è stata creata la moneta unica è che si era visto che i benefici per i paesi che svalutavano per  guadagnare competitività erano di breve durata: l'Italia e altri paesi che svalutavano ricevevano guadagni di competitività per un breve periodo, ma i successivi aumenti di inflazione neutralizzavano quei guadagni. Il risultato consisteva in tassi di inflazione più alti e  crescenti. Oggi avverrebbe lo stesso. Si consideri, inoltre, che adesso l'uscita dall'euro per alcuni paesi si accompagnerebbe a un default  sul debito: e i paesi che fanno default vengono esclusi dal mercato per  un certo periodo e sono impossibilitati a finanziare la loro spesa  corrente.

 

Crede che la Finlandia abbia delle ragioni per opporsi al Fondo Taglia Spread? 



  PAG. SUCC. >