BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CROLLO MUTUI/ L'esperto: costi ancora alti. Ecco come scegliere tra tasso fisso, variabile e misto

Pubblicazione:

Foto Fotolia  Foto Fotolia

Un calo lo abbiamo certamente registrato anche noi e le richieste sono scese rispetto a qualche tempo fa. Permane un forte interesse iniziale che però poi spesso non si concretizza in una richiesta effettiva di mutuo. Lo scenario attuale non trasmette ovviamente sicurezza quindi molte famiglie rimandano il momento della decisione definitiva in attesa che qualcosa possa migliorare. Rispetto ai primi mesi dell’anno, periodo in cui si è registrato il massimo del caro-mutui, in questi mesi diversi istituti hanno cercato di proporre mutui meno costosi.

Con quali risultati?

E’ chiaro che la situazione attuale, grave anche per le stesse banche, non potrà mai permettere un ribasso troppo forte dei mutui, che quindi resteranno sempre più costosi rispetto a un anno fa.

Quali sono i tassi che i cittadini prediligono in questo periodo?

Come mostrano anche i dati dell’Osservatorio, è cresciuta la quota di tassi variabili rispetto ai fissi, visto che possono rimanere bassi nonostante lo scenario attuale anche per diversi anni. Rimane comunque la componente di coloro che prediligono il fisso anche per una scelta emotiva che li spinge ad evitare qualunque incertezza e ad accettare un maggior costo.

Cosa può dirci dei tassi misti?

Si tratta di un’altra soluzione che ha preso piede soprattutto negli ultimi mesi. In molti casi permettono di fissare il tasso per un certo periodo di tempo, mediamente tra i 3 e i 5 anni, in cui quindi offrono una certezza. Successivamente danno invece la possibilità di scegliere nuovamente che tipo di tasso applicare in una situazione di mercato che potrà essere meno incerta rispetto a quella attuale e che permette di fare un piano più ragionato delle proprie spese.

Cosa ci vuole ora affinché si possa assistere a un cambio di rotta?

Ci vuole qualcosa in cui purtroppo l’Italia non può essere l’unica protagonista. Il nostro Paese può però farsi promotore di iniziative nei confronti dell’Europa che riportino serenità nel sistema economico non solo italiano, visto che tutta la situazione è fortemente condizionata da ciò che accade in Spagna, dalla più o meno forte rigidità della Germania e così via. Fino a che non si trova un sistema che trovi tutti d’accordo e che nello stesso tempo rassicuri i mercati continueremo ad avere una situazione come quella attuale.

Cosa consiglierebbe ai cittadini che stanno valutando l’idea di chiedere un mutuo?



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >