BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPENDING REVIEW/ Arrigo: un trionfo dello statalismo sulle tasche degli italiani

Enrico Bondi (Infophoto) Enrico Bondi (Infophoto)

E qui di che spending review parliamo? Alla fine pagano di più i privati. Che cosa c’entra un simile provvedimento con il taglio della spesa pubblica o con la cosiddetta “spending review”? Qui non si capisce veramente bene che cosa c’entri questo provvedimento. Credo che la stessa cosa si possa dire dei cosiddetti farmaci “griffati”.

 

Adesso si parla anche di “riordino” delle Province. Non si parla più di “soppressione o accorpamento”. E ritornano i parametri in abitanti e chilometri quadrati per cui possa vivere una Provincia.

 

Ma anche questa correzione mi pare cervellotica. Poi ci saranno i tempi da stabilire in base al numero degli abitanti. Ho l’impressione che alla fine si spenderà di più. C’è una cosa che non riesco a comprendere. Ma perché non si trasferiscono le funzioni delle Province ad altri enti e basta? Sono competenze che potrebbero essere assorbite da altri enti senza stare a crearne nuovi.

 

Insomma questa spending review del governo dei tecnici proprio non la convince.

 

Ma no, perché alla fine fanno solamente dei tagli mascherati, edulcorati come ho già detto, ma non intaccano mai la sostanza del problema che è quello della spesa pubblica dello Stato.

 

(Gianluigi Da Rold)

© Riproduzione Riservata.