BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RISPARMIO/ Il consulente: obbligazioni, valute e azioni, la parola d'ordine e diversificare

foto Infophoto foto Infophoto

Per quanto riguarda invece le obbligazioni? 

Stesso discorso. Se uno vuole avere un buon portafogli obbligazionario deve considerare di mettere dentro al portafogli obbligazioni che hanno rendimenti anche più bassi, ma che vale la pena scegliere proprio perché garantiscono questa sicurezza. Un buon portafoglio diversificato oggi non può non avere una diversificazione su almeno 70 o 80 o anche più obbligazioni. Scommettere soltanto sulle obbligazioni emesse da alcuni Paesi significa rischio maggiore. Questo non deve escludere le obbligazioni emesse dai titoli governativi della stessa Italia o dell'area euro magari escludendo magari quelli di Paesi a rischio come la Grecia, perché queste offrono rendimenti più interessanti che possono bilanciare rendimenti sullo zero come quelli dei  Bund tedeschi o bond di altri Paesi dell'area nord Europa. E' un portafoglio diversificato che garantisce un rendimento e sicurezza.

Ci faccia un esempio.

Con una duration a settembre 2016 un portafogli di questo tipo come detto prima, senza fare nulla, ha in pancia un rendimento del 5%. Un ottimo rendimento, una grande diversificazione con più di 80 titoli: garantisce non solo la sicurezza, ma anche un buon rendimento considerando i tassi dei titoli a breve.

Affrontiamo il mercato azionario, quello che forse spaventa più di tutto.

Oggi vale invece la pena prenderlo in considerazione. Comunque anche qui diversificazione, affidandosi a dei gestori che sono in grado di modificare la gestione del portafoglio, adatto a chi vuole investire in un'ottica più speculativa. Ovviamente dipende dal capitale chi si ha e quanto di questo capitale si vuole investire, e bisogna tenere conto che oggi sul mercato azionario mondiale ci sono ottime possibilità di acquisto, perché chi investe come sempre deve guardare al prezzo di cosa acquista oltre che al valore di quello che compra. Se il rapporto valore prezzo è favorevole al prezzo perché il valore c'è, vale allora la pena investire anche sul mercato azionario.

© Riproduzione Riservata.