BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ 1. Italia e Spagna, la ripresa non c'è. Le prove

Pubblicazione:

Con il giochino tra banche e Banca centrale, infatti, i rendimenti restano più o meno stabili al 6%: peccato che già oggi le banche spagnole, tutte, siano clinicamente morte e restino artificialmente in vita solo con i soldi della Bce.

 

Borse

 

Insomma, o si arriva al salvataggio completo oppure, se si decide che l'Eurotower comprerà bonds a breve scadenza sul mercato secondario, il bilancio dell'Eurotower diverrà tale da giustificare chi in Germania definisce la Bce sotto guida Draghi una bad bank. Inoltre, nessuno conosce i veri numeri dell'esposizione degli istituti iberici: comparando gli stati patrimoniali dichiarati ai prezzi del mercato immobiliare spagnolo (esposizione di oltre 400 miliardi di euro), appare chiaro che le banche stiano sopravvalutando le loro detenzioni di almeno il 40%. Inoltre, un anno fa la Banca centrale di Spagna stava prendendo a prestito circa 72 miliardi di dollari dalla Bce, mentre gli ultimi numeri disponibili e resi noti a luglio ci dicono che sia a livello di finanziamento diretto dalla Bce che attraverso il programma Target2, Madrid sta prendendo a prestito qualcosa come 530,8 miliardi di dollari, un aumento dell'86,5%!

Essendo la Bundesbank il principale finanziatore di Target2, ora la Germania rischia di correre un duplice rischio: legato al 22% di "proprietà" della Bce attraverso la Bundesbank ma anche di un default spagnolo sul finanziamento a Target2, sempre garantito da Bundesbank. I numeri spagnoli, infatti, sono da mani nei capelli. Il debito sovrano ammonta a 763 miliardi di dollari, il debito verso Bce/Target2 a 530,8 miliardi di dollari, il debito regionale a 175,7 miliardi, il fondo di garanzia bancaria (FROB) a 153 miliardi, per un totale di debito diretto di 1,622 triliardi a fronte di un Pil spagnolo (fidandosi dei dati che fornisce Madrid) di 1,331 triliardi (uso i dollari, pur trattandosi ovviamente di ammontare in euro, perché lo studio). Insomma, una ratio debito/Pil del 121,90% nella migliore delle ipotesi, ovvero credendo alle cifre ufficiali del governo iberico. Voi ci credete?



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.