BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ 1. Pelanda: così le tasse di Monti "avvicinano" la Grecia

Pubblicazione:lunedì 10 settembre 2012 - Ultimo aggiornamento:lunedì 10 settembre 2012, 8.58

Il premier greco Samaras (InfoPhoto) Il premier greco Samaras (InfoPhoto)

Quindi possiamo anche aspettarci una riduzione del costo di rifinanziamento del debito italiano, cosa che terrà parecchi miliardi nelle casse statali. Crisi finita, dunque? Purtroppo no. Ora i mercati guarderanno alla capacità dell’Italia di arrivare al pareggio di bilancio. La strategia di raggiungerlo alzando le tasse deprime la crescita ed il gettito fiscale e rende improbabile l’obiettivo nel 2013. Il governo dovrà necessariamente rendere credibile un piano di taglio della spesa e delle tasse. Se non ci riuscirà dovrà chiedere il soccorso della Bce ed accettarne le condizioni che, appunto, implicano almeno 80 - 100 miliardi di taglio della spesa pubblica, tipo caso greco. L’Italia può solo decidere se farà tale taglio in modo sovrano o imposto da condizioni esterne.

 

www.carlopelanda.com     

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
11/09/2012 - la scommessa del pareggio di bilancio (antonio petrina)

Caro Prof, se la posta in gioco ora è il pareggio di bilancio e questo compito per casa sarà il primo in eurozona a raggiungersi ,ma poi si dovrà far girare la moneta perchè nelle vene non scorre più sangue ,dopo i vari by pass ( leggi spending review)!