BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Così Draghi spiana la strada al Monti-bis

Pubblicazione:

Mario Draghi (Infophoto)  Mario Draghi (Infophoto)

Abbiamo una certezza: oggi sapremo la verità sul fondo Esm, senza ulteriori sospensive. La Corte costituzionale di Karlsruhe ha infatti respinto la richiesta del deputato bavarese, Peter Gauweiler, contro il piano di acquisti di bond pubblici previsto dalla Bce. A comunicarlo, la stessa Corte costituzionale di Karlsruhe, precisando che, a seguito di questo parere, oggi sarà annunciata, come previsto, la decisione della Corte sul fondo salva-Stati Esm.

Il ricorso presentato in urgenza dall'euroscettico Gauweiler non è riuscito quindi a spostare la data in cui la Corte aveva previsto di annunciare la sentenza sul fondo Esm (sostanzialmente penso che Gauweiler puntasse, ricorso dopo ricorso, ad attendere il crollo della Grecia o la richiesta di aiuti da parte di Madrid, chiudendo una volta e per sempre la questione e facendo in modo che la Germania non dovesse cacciare più un solo euro). Nel frattempo, ieri lo spread è rimasto agitato ma su un range quotidiano di circa 25 punti base, mentre a metà seduta di contrattazione tutte le Borse erano in negativo con Milano e Madrid, le peggiori, giù di circa un punto percentuale (salvo virare in positivo, spinte dall'apertura in rialzo di Wall Street). 

Nulla di drammatico, per carità, un minimo di attesa alla vigilia del d-day dell'eurozona è assolutamente fisiologico, paradossalmente avrebbe invece stupito un eccessivo ottimismo e a pesare sui listini c'erano anche ragioni tecniche e prese di beneficio dopo i rialzi a cannone garantiti da Draghi. Tanto più che, come riportato dal Wall street journal, i fondi tornano a comprare bond di Italia e Spagna dopo le decisioni della Bce: "I manager dei fondi in Europa hanno investito molti dei loro soldi nei bond sovrani dei Paesi europei a più alto rendimento nel periodo immediatamente precedente e successivo all'approvazione da parte della Bce del piano di acquisto illimitato di bond". Secondo il quotidiano, tuttavia, "è ancora presto per dire se l'interesse da parte di questi investitori durerà al di là di questa esplosione di ottimismo". Eh già, visto che al netto dell'entusiasmo, ieri dalla Spagna è arrivata un notizia che di positivo non ha nemmeno un contorno. Il prezzo medio delle case in Spagna è sceso del 11,6% anno su anno ad agosto, conoscendo poi un'accelerazione con un ulteriore calo del 2,8%: insomma, il tanto sperato rimbalzo del gatto morto del mercato immobiliare agostano spagnolo si è trasformato in un gatto spiaccicato al suolo. La Costa Mediterranea paga un -14,7% anno su anno. Dai massimi del dicembre 2007, quando il mondo si faceva abbindolare da Zapatero, il calo è stato del 32,4% e del 35,9% dai massimi. Insomma, notizie da mani nei capitali per le banche tedesche, esposte per ben oltre 400 miliardi di dollari in quel mercato, almeno 150 dei quali già passati alla voce "inesigibili".

Ora, ragioniamo un attimino a mente fredda. Voi, cari investitori, sulle scadenze brevi, d'ora in poi, scegliereste la teutonica graniticità del Bund che vi paga due fichi e una nocciolina di rendimento o pari scadenza italiani e spagnoli che godono di "acquisti illimitati" della Bce e di rendimenti ben più sostanziosi? Non ci vuole un genio dell'investimento per rispondere al quesito. Ovviamente c'è l'inghippo, altrimenti col kaiser che la Merkel sconfessava di fatto la Bundesbank appoggiando la linea Draghi: per aver accesso al programma di acquisto sul mercato secondario, occorre siglare un memorandum d'intesa e sottostare a vincoli rigidissimi, violati i quali la Bce smette immediatamente l'acquisto e, anzi, può vendere i titoli precedentemente acquistati. Insomma, per non trasformare una cosa semplice nella Sfinge: vuoi il mio aiuto? Commissariamento. E questa, a mio avviso, è la parte più interessante dell'intera vicenda, non il bazooka di Draghi che in realtà è una pistola ad acqua visto che la Bce non comincerà a comprare titoli quando vuole lei ma su richiesta, quindi magari mai, non la suspence per la sentenza di oggi, che sarà un sì.



  PAG. SUCC. >