BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

REDDITOMETRO/ Come funziona e quali limiti ha la nuova "arma" del fisco

(Infophoto)(Infophoto)

I dubbi sul redditometro Non è chiaro quale sarà la rilevanza, il peso specifico attribuito alle singole voci che concorrono a ricostruire il reddito “presunto” dei contribuenti. Nemmeno è ancora chiaro quali saranno gli ulteriori accertamenti e controlli che potrebbero scattare qualora una persona o famiglia dovesse risultare “sospetta” agli occhi attenti del fisco. Le indagini finanziarie? Studi di settore se il contribuente è anche imprenditore o libero professionista? Ancora si attendono ulteriori dettagli dall’Agenzia delle entrate.

L'onere della prova Chi ha mostrato le maggiori preoccupazioni, pur condividendo la struttura dello strumento è il presidente dei commercialisti Claudio Siciliotti, uno che di dichiarazioni dei redditi ne vede a bizzeffe. “Si tratta di un meccanismo concettualmente giusto”, ha affermato Siciliotti, “ma c'è un rischio concreto: potenzialmente il redditometro può diventare strumento automatico e assumere valore legale comportando l'inversione dell'onere della prova a carico del contribuente. Il timore, ha aggiunto, “è che in futuro ci possa essere un inasprimento del suo utilizzo”.

Le polemiche contro il fisco Befera non ci sta. Rispondendo alle domande dei parlamentari sulla severità dei controlli di Equitalia, il direttore delle Entrate ha ribattuto: "da quando sono direttore abbiamo recuperato oltre 40 miliardi di euro di evasione. Sentendo i vostri interventi ho la sensazione che questi soldi li abbiamo presi a cittadini onesti e vessati. Credo non sia questa la realtà". 

(Matteo Rigamonti)

© Riproduzione Riservata.