BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

CORTE TEDESCA/ 2. Borghi Aquilini: una sentenza utile (solo agli speculatori)

I giudici della Corte Costituzionale tedesca (Infophoto)I giudici della Corte Costituzionale tedesca (Infophoto)

Tanto per cominciare, ricordiamo  che se gli spread degli altri Stati sono elevati, rifinanzia il proprio debito a gratis. Ritardare la decisione, quindi, ha fatto sì che rimanessero alti. Detto questo, imporre un limite all’Esm è stato un atto che ha voluto rappresentare e ribadire il suo potere di dettare le condizioni del gioco. Significa che, nonostante la mossa della Bce possa considerarsi utile, gli squilibri e le divisioni che affliggono l’Eurozona, tra cuore e periferia, resteranno tali. Perché non dipendono strettamente dallo spread. Che, benché rappresenta un grosso problema, non è di certo l’unico. E non è più grave dello stato reale dei fondamentali dell’economia di un Paese.

 

Quindi?

 

Quindi neppure la Bce è in grado di modificare i fondamentali dell’economia di un Paese. L’unica via di uscita consisterebbe nell’iniziare a parlare, nell’ottica della tanto sbandierata unità politica e fiscale, di trasferimenti interni che consentissero di aiutare quei Paesi che stanno attraversando una fase negativa. E occorrerebbe iniziare a parlarne in Germania. Con chance di successo, ricordiamolo, pressoché pari a zero.

 

Non crede che, a certe condizioni per lei favorevoli, potrebbe accettare?

 

No. Non è possibile darle in cambio niente. Finché non le si attribuirà il comando totale, non sarà mai disponibile a dei trasferimenti di denaro. Ribadiamo che la contingenza attuale va completamente a suo vantaggio. Ogni fabbrica italiana che chiude equivale a una tedesca che apre.  

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
13/09/2012 - Responsabile dell'Italia è l'Italia (Moeller Martin)

La responsabilità di quello che avviene in Italia è solo dell'Italia, e di nessun altro. Da paese democratico, abbiamo una cosa che si chiama governo e che dovrebbe governarci. Abbiamo messo lì apposta un certo Monti, gran professore anche se non eletto, per tagliare i costi dello stato e fare le riforme strutturali che in venti anni l'Italia politica non ha saputo realizzare. Cosa ha fatto? Assolutamente nulla, salvo concedere interviste e andare a ogni convegno possibile per il suo tornaconto personale e auto-attestarsi grandi meriti. Meriti che i nostri partner dell'Eurozona ci riconoscono nelle dichiarazioni pubbliche come cortesia richiesta dal protocollo, premesso naturalmante che non ci devono dare soldi! Ma mentre il nostro governo si rende ridicolo, con dei tecnici che affidano ad un ulteriore tecnico la revisione dei costi e che, incapaci di fare uno schifo di riforma cercano di rifilare alle 'parti sociali', abbiamo anche una larga parte di oppinione pubblica che si ostina a cercare altrove le responsabilità, con il risultato che siamo gli unici insieme alla Grecia a guardare affondare il nostro stesso paese e quindi la nostra vita senza fare niente fuorchè sbraitare ed inveire. Irlanda, Portogallo e prossimamante la Spagna invece utilizzano l'ESM e sistemano i loro problemi, zitti zitti e senza tante sceneggiate. Se in Italia chiudono le fabbriche la colpa è solo nostra.