BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Un "bluff" dietro al nuovo Fondo salva-stati

Pubblicazione:giovedì 13 settembre 2012

Infophoto Infophoto

Bene, al netto del fatto che fino al 1 gennaio 2013 comunque non si muove un euro e che le geniali parole di Rajoy potrebbero chiedere un’accelerazione degli interventi, a vostro avviso dopo il can-can che ha seguito la corte di Karlsruhe dalla scorsa primavera a oggi, quanti politici tedeschi sarebbero pronti a rischiare carriera e magari anche osso del collo per finanziare ancora e ancora l’Europa? Quindi, o la Germania si prepara a un potenziale extra-esborso oppure il Fondo nasce già sottocapitalizzato. I conti sono presto fatti: la capacità attuale di spesa dell’Esm è di 500 miliardi di euro, una cifra insufficiente a dare scudo “illimitato” a Spagna e Italia sulle scadenze a breve, quindi una preoccupazione in più già da ora sulla capacità di finanziare il Fondo con i soldi che potrebbero servire a un salvataggio ufficiale a breve.

Inoltre, quello che era apparso fino da prima mattina un compromesso, in caso di irrigidimento - e la piccata risposta di Monti a chi parlava di violazione del mandato della Bce non è un buon viatico - rischia di tramutarsi in un rafforzamento netto del potere di veto del Bundestag sull’attivazione del Fondo, tanto più che la Corte di Karlsruhe ha imposto il passaggio di ratifica in entrambe le Camere del Parlamento tedesco - Bundestag e Bundesrat -, affinché tutti siano debitamente informati in caso di violazione della legge internazionale. O anche soltanto per ricordare chi tiene il coltello dalla parte del manico. E dopo le geniali parole pronunciate ieri da Rajoy, state certi che la speculazione ma anche i grandi players non giocheranno solo call credendo fino in fondo alle magnifiche sorti e progressive aperte dalla nascita del fondo Esm, il quale di fatto non è nato. Ma non state a guardare il capello, è lo stesso fondo con capacità di acquisto illimitato che, per poter nascere, ha dovuto vedersi stampigliare sul peccato di recapito la cifra massima: 190 miliardi.

Speriamo, ma io vedo dietro tutto questo entusiasmo solo una volontà forte di accelerare la costruzione dell’Europa politica, cosa buona ma che può diventare letale se ci fa dimenticare la quantità di scadenze obbligazionarie che attendono la Spagna solo a ottobre. Vedremo.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.