BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

REDDITOMETRO/ Il commercialista: vi spiego come funziona il “radar” del fisco

Pubblicazione:domenica 16 settembre 2012

Infophoto Infophoto

L’output dell’analisi sarà una stima del reddito del contribuente da confrontarsi con il reddito dichiarato: nel caso il reddito accertabile sia superiore del 20%, anche per un solo periodo d’imposta (e non più del 25% per due anni consecutivi come nella versione precedente), rispetto a quello effettivamente dichiarato, l’Ufficio potrà procedere con l’accertamento, non prima però di aver invitato il contribuente a comparire per il contraddittorio, che viene reso quindi obbligatorio. L’Agenzia ha inoltre la facoltà ottenere, dal Comune in cui il contribuente ha domicilio fiscale, ulteriori informazioni relative alla determinazione dell’imponibile e a supporto dell’attività di controllo. Al contribuente è data la possibilità di dimostrare che le spese sostenute nel periodo d’imposta in oggetto siano state finanziate con redditi percepiti in un periodo d’imposta diverso o con redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte o a titolo d’imposta.

Il suddetto software sarà reso disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Pertanto, il contribuente potrà verificare la congruità dei propri redditi ed eventualmente adeguarli salvo che non ritenga di avere adeguate giustificazioni allo scostamento. In tal senso si può affermare che il redditometro avrà sia una funzione di deterrente, sia di accertamento vero e proprio.

I redditi accertabili sulla base del nuovo redditometro 2.0 saranno quelli percepiti a partire dal periodo d’imposta 2009, mentre per i periodi precedenti si continuerà ad applicare la precedente versione.

La speranza di tutti è che il nuovo redditometro sia opportunamente congegnato e utilizzato dagli enti preposti alla lotta all’evasione e che non divenga uno strumento di arbitrio nei confronti dei contribuenti onesti che in diverse circostanze hanno subito vessazioni in nome dei “budget” assegnati agli uffici finanziari periferici.

 

(articolo redatto con la collaborazione di Francesca Bea)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.