BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ Cingolani: l'annuncio di Draghi non scioglie il nodo Bce

In attesa della decisione dell'Alta corte tedesca sul fondo salva Stati, Mario Draghi lancia segnali precisi. Per STEFANO CINGOLANI, la Bce gioca il ruolo decisivo pe il futuro

Foto Infophoto Foto Infophoto

"Siamo in una situazione di attesa, tutto dipende da come e quanto la Banca centrale europea deciderà di intervenire". A dirlo a Ilsussidiario.net è Stefano Cingolani. Il fatto è che tre dichiarazioni di tre protagonisti assoluti del quadro economico europeo hanno scosso (positivamente) i mercati. Se Mario Draghi ha detto che "i titoli di Stato fino a tre anni non costituiscono un finanziamento monetario agli Stati", il ministro delle finanze tedesco ha espresso grande fiducia che l'Alta corte costituzionale tedesca giudicherà compatibile con la legge il cosiddetto fondo salva Stati. Infine il cancelliere tedesco Angela Merkel, usando un linguaggio diverso dal suo solito, ha definito senza mezzi termini i mercati "nemici del popolo": "Non sono al servizio del popolo" ha detto "perché hanno consentito negli ultimi cinque anni a poca gente di arricchirsi a spese della maggioranza". Per Cingolani, "siamo in attesa di sapere quanto dirà la Bce nei prossimi giorni dando concretezza alla decisione di poter intervenire sui mercati anche acquistando titoli di Stato. Ma resterà aperto l'interrogativo: quanto e come lo farà?".

Cominciamo dalle dichiarazioni della Merkel: la finanza distrugge i frutti del lavoro? 

Non credo abbi usato espressioni particolarmente forti o innovative. Non sono dichiarazioni lontane dalla sua concezione politica, ricordiamo che è una democratico-cristiana avvezza all'economia sociale di mercato tedesca. D'altro canto come darle torto, in questi ultimi anni si è visto davvero che i mercati non sono certo al servizio del popolo, ma forse nemmeno al servizio del capitalismo. Ne hanno combinate di tutti i colori. 

Come leggere dunque queste dichiarazioni?

Credo vadano lette nel quadro delle sue ultime uscite, molto più soft, che tendono a mediare, a creare situazioni meno conflittuali. Mi riferisco ad esempio a quanto detto sulla Bce con il sostegno dato a Draghi. Ho l'impressione che la cancelliera stia cercando di ammorbidire la sua linea. Si sta caratterizzando come quella che cerca di stemperare i conflitti che sono nati all'interno della comunità europea. 

Sono frasi poi che forse vanno inquadrate nella campagna elettorale interna tedesca che di fatto è già iniziata.

Sicuramente. Immagino che  la Merkel voglia vincerle. Siamo senz'altro in quest'ottica, però noto anche che ci sono in ballo alcuni appuntamenti chiave. Il più importante è senz'altro quello del 12 settembre, la decisione dell'Alta corte a proposito della costituzionalità del cosiddetto fondo salva Stati. Anche la Merkel vi si sta preparando.