BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ 2. Bayer (Ftd): Draghi, ecco il tranello che la Germania teme

Pubblicazione:mercoledì 5 settembre 2012 - Ultimo aggiornamento:martedì 11 settembre 2012, 23.09

Angela Merkel (InfoPhoto) Angela Merkel (InfoPhoto)

Gli investitori stanno cercando un “safe haven”. Gli Stati Uniti e la Germania sono i primi beneficiari. La situazione continuerà fino al momento in cui la paura sul mercato finanziario svanirà o in cui il debito elevato degli Stati Uniti e della Germania intimoriranno gli investitori. La tempistica è difficile da prevedere. In ogni modo, penso che la situazione non sia stabile.

 

Ritiene che una maggiore flessibilità nei confronti dei paesi euro deboli, favorendo la tenuta dell’euro, nel medio-lungo periodo possa portare benefici anche alla Germania?

 

Il salvataggio dell’euro-zona porta benefici alla Germania. Non sono sicuro se una “maggiore flessibilità” sia la risposta giusta. Adesso, i tedeschi vengono criticati per la loro ortodossia, per esempio da parte della stampa italiana. I critici non si rendono conto che la Germania è già stata molto flessibile. L’Efsf e l’ESM sono risposte forti. Perché l’Euro possa sopravvivere, è fondamentale avere regole chiare. Altrimenti, qualche paese indebitato potrebbe avere la tentazione di abusare della generosità degli altri.

 

Il mondo economico e politico tedesco è sulle stesse posizioni della Bundesbank, o al suo interno esistono posizioni differenti? Quali?

 

La Bundesbank e il sua presidente Jens Weidmann sembra stiano perdendo il sostegno della politica e del mondo economico tedesco. Molto grave è la rottura fra Weidmann e Jörg Asmussen, il capo economista della BCE. Weidmann e Asmussen erano consulenti della cancelliera Merkel, erano collaboratori stretti, la loro relazione era intima. Ho l’impressione che la Bundesbank sia isolata.

 

Di recente il politico tedesco Joschka Fischer ha ricordato che il peso dei debiti relativi alla Prima Guerra Mondiale creò rancori che portarono alla Seconda Guerra Mondiale. Che cosa si può fare oggi per evitare che si ripeta una situazione simile?

 

Dobbiamo evitare affermazioni come quelle di Fischer. Non ha senso divulgare un allarmismo traumatizzante. Serve una misura ad occhio e una comprensione reciproca. La posizione tedesca è chiara: la Germania vuole un’Europa più forte, è pronta per un debito comune, se ci sarà anche un’unione politica con un controllo comune.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
05/09/2012 - Ue ha strategie rovinose e obsolete (Carlo Cerofolini)

Le strategie obsolete, tipiche delle guerre di posizione, che sta mettendo in essere la Ue, come i "famosi" compiti a casa che deprimono l'economia, contro le blitzkrieg della speculazione internazionale e le incursioni corsare dei Francis Drake di turno, come i fatti dimostrano, sono rovinose e possono solo portare all'implosione dell'area euro. Per uscire da questa pericolosa situazione la Bce deve poter battere moneta e il debito da considerare di una nazione deve essere la somma di quello pubblico più quello privato. In difetto di ciò l'Italia finirà stritolata dall’azione congiunta dello spread e del fiscal compact e così sotto il tallone Ue sarà senza avvenire.