BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IVA/ Mussari (Abi): non ci sarà alcun aumento

Lo annuncia Mussari (Abi) al termine dell'incontro con Monti e i suoi ministri. Il governo si impegnerà ora nelle misure per sostenere la crescita e la produttività. Ora tocca ai sindacati

Mario Monti (Infophoto) Mario Monti (Infophoto)

Non ci sarà nessun aumento dell’Iva. Lo ha annunciato Giovanni Mussari, presidente dell’Abi, l’Associazione bancaria italiana al termine della conferenza che ha seguito l’incontro delle imprese con il premier Mario Monti. Le risorse necessarie per non far scattare l'aumento dell’Iva verranno reperite dalla spendine review.

ll presidente del Consiglio Mario Monti, accompagnato dai ministri Corrado Passera, Vittorio Grilli, Elsa Fornero, Enzo Moavero-Milanesi, Filippo Patroni Griffi, dal sottosegretario Antonio Catricalà e dal vice-ministro Michel Martone, ha oggi incontrato la delegazione degli imprenditori composta dai presidenti di Confindustria Giorgio Squinzi, dell’Abi Giuseppe Mussari, di Rete imprese Giorgio Guerrini, dell’Ania Aldo Minucci e dell’Alleanza delle cooperative Luigi Marino.

Il governo, spiega con una nota, “già dai prossimi provvedimenti, continuerà a intervenire su fattori di contesto fondamentali per la produttività e la competitività delle imprese, come le infrastrutture (per cui si punta a sbloccare investimenti per un totale di 50 miliardi di euro entro fine legislatura), l'innovazione e la ricerca (con i prossimi provvedimenti sull'Agenda digitale), la semplificazione fiscale e l'efficienza della macchina giudiziaria”.

Ora il tema caldo su cui il governo si ripropone di dare un contributo al paese è il tema della produttività. Dopo aver detto questa mattina che la ripresa è vicina e che è “alla nostra portata, credo che arriverà presto”, Mario Monti ha affidato i suoi pensieri e quelli dei ministri alla nota del governo che continua così:è oggi giunto il momento di affrontare il tassello fondamentale della produttività del lavoro, tema per il quale spetta alle parti sociali il ruolo di protagonisti”. Il governo spiega che, “oltre allo spread sugli interessi sui titoli di stato, che incide negativamente sul costo del credito e sugli investimenti delle imprese, assume grande rilievo lo spread di produttività, che altrettanto pesantemente incide sulla capacità competitiva aziendale”.