BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Forte: Draghi al Quirinale? Ok, ma Berlusconi cambi i suoi "esperti" fiscali

Pubblicazione:mercoledì 16 gennaio 2013

Infophoto Infophoto

Ovvio. Ma, in una fase recessiva, qualche spicciolo in più nelle tasche degli italiani non rilancia di certo i consumi. Chi non vede prospettive di crescita, i pochi soldi che ha in più se li tiene ben stretti.  

Perché, in ogni caso, in tanti anni di governo, Berlusconi non ha mai varato quella significativa riduzione del carico fiscale che ora va promettendo?

Perché il titolare della sua politica tributaria era Tremonti. E Tremonti queste cose non è in grado di farle. È un dirigista illuminato che si è intestardito su alcune impostazioni tutt’altro che liberali.

Con Brunetta cambierebbe qualcosa?

Brunetta è un buon macroeconomista, ma non è un esperto di politiche tributarie. 

Tra i personaggi più in vista, lei chi suggerisce?

Guido Crosetto. Lui, queste cose le capisce. Peccato che non faccia più parte del Pdl…

 

(Paolo Nessi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
16/01/2013 - la sua ITALIA Ideale (nicola mastronardi)

Caro signor Forte io l'ammiro tantissimo, perchè pur essendo all'opposizione nella giunta comunale di MILANO lei è uno uno dei più presenti sia ai consigli sia alle commissioni,quindi non è attaccato al potere ma tende verso il BENE COMUNE. A parte le mie note positive appena espresse, dalla sua intervista mi sembra di aver capito che la sua ITALIA IDEALE SAREBBE: DRAGHI presidente della repubblica, MONTI presidente del consiglio, CROSETTO ministro dell'economia, MAURO ministro degli esteri. O mi sbaglio? GRAZIE