BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CASO MPS/ Il "domino" di Siena non toccherà i veri poteri

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Con l’irruzione della Procura di Trani, evocata dai risparmiatori associati dell’Adusbef, la vicenda del Monte dei Paschi di Siena completa il suo “cast” nel più classico dei modi: odore di mazzette, certezza di buchi, incertezza sull’avvenire, risparmiatori più o meno bidonati (per ora, e per fortuna, in questo caso soltanto i piccoli azionisti che hanno visto il valore del titolo sbriciolarsi).

Le notizie di giornata sono state scarne, e sempre più tenderanno a esserlo nei prossimi giorni, perché - come da copione - in casi del genere l’Istituzione pubblica, sia essa la Banca d’Italia, una Procura, una Consob, “si costerna, s’indigna, s’impegna, poi getta la spugna con gran dignità”. E come nel caso Parmalat ci sono voluti nove anni per arrivare a sentenza, come in molti altre casi giudiziari societari enormi inchieste si sono risolte in fumo, così anche qui l’idea della maxi-stecca politica, addirittura due miliardi su dieci, il 20%, sprigionata dalla scellerata acquisizione dell’Antonveneta da parte del Montepaschi, si ridimensionerà e, con le elezioni, il parossismo politico scoppiato intorno al caso si placherà.

Ma allora cosa resterà, oltre al personale danno di reputazione a carico dell’ex presidente Giuseppe Mussari, dell’ex direttore generale Antonio Vigni, dell’ex direttore finanziario Gianluca Baldassarri? Alcune conseguenze tecniche sono ormai innescate e nulla potrà fermarle:

1 - La Fondazione Montepaschi dovrà presto uscire del tutto dal capitale del Monte, per restituire i propri debiti, e nessuno piangerà, meno che mai le altre Fondazioni bancarie, che per continuare a difendere la loro più autoregolata discrezionalità in fondo sono lieti che “quei matti” di Siena, che delegittimavano l’intero sistema, siano stati puniti dalla storia;

2 - Di conseguenza il Monte dovrà trovarsi un nuovo padrone, che potrà essere lo Stato, se la banca non rimborserà i suoi bond, o un gruppo di nuovi soci, quelli che sta cercando Alessandro Profumo: certo che dipenderà molto dalla politica, e quindi paradossalmente da quella stessa area sociale che ha fin troppo cogestito la banca, attraverso le sue articolazioni locali. Insomma, se un domani toccherà a un eventuale governo di centrosinistra decidere se entrare nel capitale del Monte, avremo il paradosso di un governo Bersani azionista della banca sderenata da anni di sottogoverno Pd...

3 - Le inchieste si concluderanno col discredito personale degli imputati e con pene modeste, come sempre accade in questi ambiti. Tanzi a parte: ma li c’erano 14 mila miliardi di vecchie lire sfilati da troppe tasche per fargliela passare liscia... qui per ora i soldi li ha persi soprattutto la banca, non i suoi correntisti; i suoi azionisti sì, ma limitatamente.



  PAG. SUCC. >