BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

IMU PRIMA CASA/ Zanetti (Sc): da dicembre torna il salasso

Torna l'Imu sulla prima casaTorna l'Imu sulla prima casa

Tutto è possibile, ma ciò vorrebbe dire che il taglio dell’Imu sulla prima casa sarebbe compensato da un aggravio di altre tasse. Non sarebbe quindi la tanto sbandierata operazione di riduzione della pressione fiscale, bensì un intervento di pura facciata politica per dare seguito alla propaganda su cui si è intestardita una parte della maggioranza.

 

L’imposta sui rifiuti sarà più cara?

La Tares è indubbiamente più cara della Tarsu, ma sappiamo che nel 2014 entrerà in gioco la Service tax la cui esatta quantificazione però è ancora da definire. Con la legge di stabilità si scopriranno le carte su cui stanno lavorando i tecnici dei ministeri sotto la guida del governo, per disegnare questa nuova imposta che assorbirà tanto l’Imu quanto la tassa sui rifiuti.

 

Andrà pagato un anticipo sulla Tares?

Non c’è nessun anticipo sulla Tares, ma a dicembre c’è da pagare il saldo dell’ultima rata della tassa sui rifiuti e il conguaglio rispetto ai minori versamenti effettuati durante l’anno. In alcuni casi il conguaglio potrà essere anche molto sostanzioso.

 

Che cosa prevede l’emendamento sull’Imu presentato da Scelta civica?

Scelta civica ha chiesto al governo come pensa di coprire la seconda rata. Il nostro auspicio è che sia in grado di poterlo fare senza giochi delle tre carte che aumentino altre imposte ai cittadini, cosa che renderebbe l’operazione del tutto inutile in termini di rilancio dei consumi oltre che iniqua.

 

E se il governo non ci riuscisse?

Nella misura in cui l’esecutivo non sarà in grado di garantire la copertura del taglio della seconda rata Imu per le prime case, Scelta civica preferisce un’impostazione diversa che abbiamo formalizzato nel nostro emendamento. A differenza del Pd noi non lo abbiamo ancora ritirato, e sarà discusso in aula la prossima settimana. A meno che il governo non garantisca di avere le risorse necessarie per eliminare la seconda rata senza coprirla con l’aumento surrettizio di altre imposte.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
10/10/2013 - Essere pusillanimi... (rosaria chiollo)

Molti anni fa un mio maestro mi diceva: "la DC per noi Cattolici è come la nostra casa, in questa casa sono entrati i ladri, adesso il compito che ci aspetta è di buttare fuori i ladri..." oggi possaimao dire che alla fine siamo stati buttati fuori noi dalla nostra casa e la casa è stata distrutta, i ladri hanno invaso il parlamento... Il teatrino della crisi di governo è stata solo la conferma, semmai ce ne fosse stato il dubbio, che la pusillanimità dei nostri politici non ha limite e senza nessuna distinzione tra destra e sinistra. Nessuno si è voluto assumere la responsabilità della decisione sul blocco dell'aumento dell'IVA e di conseguenza sull'Imu e tutto quello che verrà, giocando a nascondino e a scarica barile. Non si è voluto e non si vuole tagliane nulla dovre sarebbe giusto e logico tagliare, sullo sperpero dei soldi dei partiti e dei lauti rimborsi per es. Qualcuno del governo con una faccia tosta inaudita propone di aumentare al 103% l'acconto sull'irpef a fine anno, tasse su guadagni che nessuno saprà mai se potrà realizzare! sono tutti fuori di testa!