BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ALITALIA/ Arrigo: Poste, il fallimento è solo rimandato

Infophoto Infophoto

È peggio dell’aiuto pubblico. Se lo Stato presta dei soldi, infatti, può metter naso nella gestione. L’obbligazione, invece, rende l’azienda libera di continuare a fare ciò che vuole senza rendere conto a nessuno. Salvo il fatto che, se fallisce, lo Stato ci rimette i soldi con i quali ha sottoscritto il bond e pure gli interessi.  

 

L’Ue ha fatto sapere che eventuali aiuti pubblici possono essere erogati solo se vengono rispettate le norme comunitarie sui salvataggi e sulle ristrutturazioni.

Guardi, è accettabile che lo Stato metta dei soldi in aziende private esclusivamente in un’ottica di investimento. Ovvero, se crede che possa guadagnarci. Se la prospettiva è di perderci, si tratta di una manipolazione del mercato.

 

Sarebbe stato meglio se Air France fosse diventata l’azionista di maggioranza?

Indubbiamente. Tuttavia, le principali resistenze vengono proprio dall’Italia. Non di certo dalla politica, che sarebbe ben contenta di liberarsi del problema. Ma dai sindacati. Che con una proprietà straniera non potrebbero più controllare l’evoluzione delle carriere, le retribuzioni e via dicendo.

 

Non crede che Air France potrebbe favorire il proprio turismo, danneggiando il nostro?

Non direi. Quando saliamo su un taxi, ci viene chiesto dove vogliamo andare. Non veniamo trasportati contro la nostra volontà. È la domanda che fa il mercato, non l’offerta.

 

Con quale obiettivo, invece, gli altri azionisti dovrebbero ricapitalizzare?

Di sicuro, non si aspettano profitti da Alitalia. È, invece, verosimile che, essendo tutti soggetti economici che hanno già affari con lo Stato, in termini di concessioni, si attendano favori extra-aziendali.

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
12/10/2013 - Come al solito bell'articolo.... (Guido Gazzoli)

e condivisibile al 1000 x mille...ma le Poste Italiane hanno esperienza nel settore aereo...come non ricordare il successone di Mistral , la Compagnia aerea gestita dallo stesso attuale AD in modo talmente magistrale che , pur avendo in monopolio la distribuzione della posta e i giornali , dopo 5 anni dovette chiudere.....vuoi vedere che l'hanno chiamato al capezzale di CAI apposta? Con tutti questi esperti in buchi finanziari..mi sa che ci aprono un campo di golf...