BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPY FINANZA/ La Germania ha scelto come “far fuori” l’Italia

Infophoto Infophoto

Quando, come ha fatto ieri, una banca d’affari come JP Morgan sentenzia che il rally di Italia e Spagna proseguirà e invita a puntare sui titoli bancari di quei Paesi, non è perché le cose stanno davvero così, è soltanto perché è strapiena di quella carta e vuole venderla ai gonzi di turno ora che è ai massimi, prima di doverne scontare le perdite, essendo esposta “overweight” sulle equities europee. Che dire poi del nostro ministro delle Finanze, Fabrizio Saccomanni, che o mente sapendo di mentire e sfruttando l’ignoranza della gente o se pensa davvero quello che ha detto è un incompetente da mandare via immediatamente. «Tutti odiano questa legge di stabilità, ma il mercato azionario è in rialzo e lo spread è basso», ha avuto il coraggio di dire, omettendo che con un combinato di 160 miliardi di dollari mensili di nuovo denaro messi in circolo da Fed e Bank of Japan, il mercato è stato in rialzo anche con lo shutdown e il rischio default degli Usa e nonostante il Giappone abbia conosciuto il quindicesimo mese di deficit commerciale in rialzo, altro miracolo dell’Abenomics.

Il mercato cresce drogato dai quei soldi, non ha più bisogno di inviare segnali ai politici e ai governi rispetto alle loro scelte sbagliate o giuste, semplicemente sale e porta i prezzi a rompere un record dopo l’altro: quando la stamperia chiuderà o rallenterà, semplicemente verrà giù tutto. Senza avvisare prima il buon Saccomanni. Attenzione, quindi, a non farvi abbindolare dalle sorti magnifiche e progressive propagandate da Letta e dai suoi scudieri, dallo spread basso e dal Ftse Mib con open interest a 61.000, l’assalto potrebbe essere dietro l’angolo. Lento e silenzioso, come le grandi trappole sono sempre. Le banche sono l’anello debole da colpire. E tra poco diverranno le protagoniste assolute della politica europea, l’argomento principe su cui discutere e agire: un timing perfetto. La Germania ha scelto il campo di battaglia, forse ci verrà concessa la scelta dell’arma. Con cui ci faranno fuori, in ogni caso, se non reagiamo subito. 

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
22/10/2013 - Lo spread a favore dei potenti di turno. (claudia mazzola)

Come si fa a fidarsi della "borsa" che è gestita e usata a piacemento economico dagli uomini. Se ci basiamo su quella "sporta" stiamo freschi. Per fare andare bene le cose bisogna farsi sù le maniche!