BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALITALIA/ I tre errori che spingono Air France alla "ritirata"

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

La sinergia tra Alitalia e Poste Italiane ripete stessi errori commessi dalla cordata che nel 2008 si assunse gli oneri di Cai. Ancora una volta si seguono criteri politici anziché di mercato. A rimarcarlo è Riccardo Gallo, professore di Economia applicata all’Università La Sapienza di Roma, secondo cui «è fin quasi banale che Air France decida di voltare le spalle di fronte a scelte sbagliate come questa». Il quotidiano francese Les Echos ha pubblicato indiscrezioni da cui risulta che “Air France-Klm sembra decisa a lasciarsi diluire in Alitalia (dal 25% all’11%) in assenza di impegni precisi sulla ristrutturazione del debito”. La compagnia franco-olandese ha risposto con un “no comment”, che di fatto equivale a una conferma. Per Les Ecos, “il salvataggio di Alitalia si sta rivelando più laborioso del previsto” nonostante l’impegno di Poste Italiane a versare 75 milioni di euro. Una somma che si aggiunge ai 65 milioni di ricapitalizzazione ottenuti dai tre soci della compagnia aerea, Intesa Sanpaolo, Immsi e Atlantia.

 

Professor Gallo, quale sarebbe il senso della scelta di Air France?

La scelta di Air France sarebbe fin quasi banale. L’ingresso di Poste Italiane è devastante, in quanto rappresenta una pubblicizzazione e nazionalizzazione delle perdite. C’è una ricorrente e colpevolissima abitudine: annunciare un nuovo piano industriale senza mai analizzare le cause della mancata attuazione del precedente. E quindi senza mai un lavoro operoso e silenzioso di analisi critica interna.

 

La ricapitalizzazione di Alitalia non è sufficiente per salvarla?

L’annuncio di un nuovo piano industriale avviene sempre demagogicamente per placare l’ira dei creditori. Anche questa volta segue questo percorso: le Poste Italiane si sono prestate a questa operazione e le conseguenze mi sembrano banali. Non c’è alcuna ragione per manifestare sorpresa di fronte allo scetticismo di Air France.

 

È dunque legittimo da parte di Air France mostrare sfiducia nei confronti di questo piano?

È talmente ovvio che mi sarei meravigliato del contrario…

 

Quali sono state le cause del fallimento del precedente piano dei “capitani coraggiosi”?


  PAG. SUCC. >