BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ISTAT/ Commercio al dettaglio, lieve rialzo dopo tredici mesi in negativo

Dopo 13 mesi di segno negativo, torna un aumento nelle vendite al dettaglio con il forte contributo del settore alimentare che ammonta al +0,2%. Rimangono scettici i consumatori

Infophoto Infophoto

Consumi in lieve aumento ad agosto, con le vendite al dettaglio in rialzo dello 0,2% rispetto allo scorso anno, un aumento dovuto soprattutto alla crescita del settore alimentare (+1%). Lo rileva l'Istat, secondo cui si tratta della prima nota positiva dopo tredici mesi caratterizzati dal segno meno: fino ad agosto, infatti, i prodotti alimentari erano in calo dell'1,2% e gli altri del 3%. Nel confronto annuale, si registra però una flessione dello 0,4% per i comparti diversi dal settore cibo. Gli ambiti più colpiti sono quelli della farmaceutica (-2,2%),quello della cartoleria (-2,0%) controbilanciate dal contributo positivo del settore dell’informatica, telecomunicazioni e telefonia (+1,8%). Il caso dell’alimentare è abbastanza curioso se mettiamo a confronto i dati di agosto per i grandi distributori e i piccoli negozi: i primi hanno avuto un aumento nelle vendite al dettaglio (+3,6% su base annua), mentre i secondi hanno visto come protagonista il segno meno (-1,1%). Le cause di quanto appena detto sono da ricercare nella mancata partenza per il mese di agosto di molti italiani che hanno dovuto fare i conti con esigenze di budget. Ben 3 milioni hanno dovuto rimandare le vacanze e in questo modo sono andate a fare la spesa secondo la routine di tutto l’anno. Questo è il pensiero dei principali esponenti di Coldiretti, i quali sono del parere che anche le persone che sono riuscite a partire verso altri lidi hanno comunque preferito risparmiare rifornendosi nei grandi supermercati. Da Federconsumatori e Abusdef arriva invece una battuta d’arresto per l’ottimismo diffuso dall’Istat riguardo all’interpretazione dei dati. Secondo gli esponenti delle due associazioni, la situazione è “aggravata” dall’aumento dell’Iva “nonché dall’introduzione della Trise e della nuova Imu.

© Riproduzione Riservata.