BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALITALIA/ Europa e Etihad, la partita del salvataggio si può vincere

Pubblicazione:sabato 26 ottobre 2013 - Ultimo aggiornamento:sabato 26 ottobre 2013, 8.30

Infophoto Infophoto

Le alternative su scala europea sono estremamente limitate. Il mondo dei vettori che si basa su logiche di newtork carrier include tre principali player: British Airways, Air France e Lufthansa. British Airways non è intenzionato a entrare nel mercato italiano. Lufthansa ha già esteso in modo importante il suo network con le varie acquisizioni di Swiss e Austrian. La quota di mercato europeo è quindi già interessante. Air France rimane quindi l’unico vettore di rilevanza europeo interessato ad Alitalia, con la quale ha sinergie attivate da dieci anni e rafforzate in diversi modi. Diverse compagnie mediorientali potrebbero essere interessate.

 

Secondo lei, quale presenta le migliori prospettive?

Fra i vettori del Medio Oriente quello che sembra più promettente è Etihad. Ha messo i conti in ordine e ha una struttura un poco più grande di Alitalia in termini di ricavi e volumi, ma non come Emirates che è un gigante con strutture già ampiamente consolidate. Etihad ha piani di espansione interessanti e ha già attivato un modello di sviluppo con scelte strategiche precise. Queste ultime hanno previsto l’acquisizione di quote fra il 25% e il 30% in vettori sia europei che indiani con i quali stringere partnership molto forti. In Europa è entrata in Air Berlin e in Serba Jet, in India in Jet Airways.

 

Quindi a Etihad manca solo Alitalia per fare l’en plein?

Diciamo che Etihad ha un modello di sviluppo che potrebbe essere pienamente compatibile con quello di Alitalia e di Roma Fiumicino. Questa potrebbe essere sicuramente una strada da percorrere, anche se ovviamente nessuno è disposto a investire i suoi soldi senza vedere quali sono effettivamente i conti. È stato completato in questi giorni il quadro esatto di crediti e debiti di Alitalia e quindi via via che la situazione sarà chiara anche altri potranno valutare il da farsi e decidere se associarsi.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.