BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALITALIA/ Europa e Etihad, la partita del salvataggio si può vincere

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Le alternative su scala europea sono estremamente limitate. Il mondo dei vettori che si basa su logiche di newtork carrier include tre principali player: British Airways, Air France e Lufthansa. British Airways non è intenzionato a entrare nel mercato italiano. Lufthansa ha già esteso in modo importante il suo network con le varie acquisizioni di Swiss e Austrian. La quota di mercato europeo è quindi già interessante. Air France rimane quindi l’unico vettore di rilevanza europeo interessato ad Alitalia, con la quale ha sinergie attivate da dieci anni e rafforzate in diversi modi. Diverse compagnie mediorientali potrebbero essere interessate.

 

Secondo lei, quale presenta le migliori prospettive?

Fra i vettori del Medio Oriente quello che sembra più promettente è Etihad. Ha messo i conti in ordine e ha una struttura un poco più grande di Alitalia in termini di ricavi e volumi, ma non come Emirates che è un gigante con strutture già ampiamente consolidate. Etihad ha piani di espansione interessanti e ha già attivato un modello di sviluppo con scelte strategiche precise. Queste ultime hanno previsto l’acquisizione di quote fra il 25% e il 30% in vettori sia europei che indiani con i quali stringere partnership molto forti. In Europa è entrata in Air Berlin e in Serba Jet, in India in Jet Airways.

 

Quindi a Etihad manca solo Alitalia per fare l’en plein?

Diciamo che Etihad ha un modello di sviluppo che potrebbe essere pienamente compatibile con quello di Alitalia e di Roma Fiumicino. Questa potrebbe essere sicuramente una strada da percorrere, anche se ovviamente nessuno è disposto a investire i suoi soldi senza vedere quali sono effettivamente i conti. È stato completato in questi giorni il quadro esatto di crediti e debiti di Alitalia e quindi via via che la situazione sarà chiara anche altri potranno valutare il da farsi e decidere se associarsi.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.