BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PRIVATIZZAZIONI/ Eni, Enel e Finmeccanica: perché l’Italia si "svende" per 20 miliardi?

Pubblicazione:martedì 29 ottobre 2013

Fabrizio Saccomanni (Infophoto) Fabrizio Saccomanni (Infophoto)

L’Italia ha una fortissima dipendenza dall’estero per l’approvvigionamento energetico. Il solo sospetto che in futuro le aziende del settore possano diventare proprietà di chi ha interessi nazionali diversi, se non addirittura in conflitto con i nostri, non è evidentemente accettabile. Non dimentichiamo che il valore dell’Eni, in particolare, eccede di gran lunga la sua dimensione economica: da sempre, infatti, svolge una funzione diplomatica di primaria importanza in tutte le aree in cui opera (molte delle quali sono zone di conflitto), non di rado suppletiva e ben più capillare di quella svolta dal ministero degli Esteri, accreditando l’Italia a livello internazionale e potenziando la capacità del nostro Paese di intessere rapporti politici e commerciali.

 

Come si comportano, in questi casi, gli altri paesi?

Nessuno al mondo si sognerebbe di disfarsi di un gioiello come, per esempio, Finmeccanica. Di sicuro non i francesi, i tedeschi o gli americani, decisamente attivi in questo settore, nonché, attualmente, nostri competitor; tutti costoro, peraltro, si guarderebbero bene dal svendere le proprie partecipazioni a privati che, spesso, privati non sono, bensì soggetti riconducibili a fondi sovrani stranieri. Non si capisce, francamente, questa spinta a privatizzare in maniera indiscriminata. Tanto più che molti paesi europei continuano ad avere partecipazioni in molte aziende, mentre i tedeschi, per intenderci, in deroga alle norme europee, hanno nazionalizzato più di 90 istituti di credito e società finanziarie. Noi non abbiamo più una sola banca nazionale. Va detto, infine, che tutte le privatizzazioni sin qui effettuate sono state un fallimento.

 

Quali, per esempio?

Basti ricordare Alitalia, dove è entrato un azionariato che non ha mai saputo dare garanzia di stabilità al punto da rendere necessario, nelle fasi successive alla privatizzazione, l’intervento dello Stato. Tanto valeva, ovviamente, che si tenesse direttamente in mano l’azienda.

 

Comunque sia, resta il problema di abbattere il debito.

Vede, il problema è che la Germania è riuscita a imporre, in Europa, un modello economico secondo cui il presupposto della crescita è la riduzione del deficit. Un modello che, altrove, non esiste (Usa, Giappone, e Londra hanno migliorato la propria economia attraverso la svalutazione competitiva) e che, in Italia si è praticato esclusivamente attraverso l’aggravio della fiscalità e il taglio della spesa (senza mai essere riusciti a razionalizzarla); il che, non ha fatto altro che ridurre le basi imponibili, acuendo la spirale recessiva.

 

Possibile che Letta, queste cose, non le sappia?

Temo che qualcuno gli abbia suggerito che, così facendo, godrà di maggior consenso internazionale.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
29/10/2013 - commento (francesco taddei)

perchè saccomanni non lavora per l'italia, ma per gli squali stranieri.