BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPY FINANZA/ La "bomba a orologeria" nascosta tra banche e mercati

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

E qualcuno ha capito che il gioco si sta facendo davvero pericoloso. Il mega-fondo sovrano norvegese, qualcosa come 800 miliardi di dollari di potenza d’investimento, ha smesso di acquistare equity nel terzo trimestre ed è diventato un net seller: vende durante il rally. Attualmente ha il 63% degli investimenti in equities, contro il target del 60% e quindi scarica sui massimi, si libera prima che potenzialmente arrivi quella che possiamo chiamare una call sui mercati equities globali, quando o si corre a coprire i margini con i prezzi che vanno sempre più giù oppure si rischia di bruciarsi le dita con il proverbiale cerino. E guardate che l’ipotesi è estrema ma tutt’altro che sconnessa dalla realtà. Se ricordate, lo scorso 13 agosto vi parlai del “margin debt”, ovvero la somma della quantità di denaro che le istituzioni finanziarie hanno prestato per acquistare titoli azionari sul NYSE, la Borsa di New York, avendo come garanzia i titoli azionari stessi.

Per farvi capire il funzionamento, feci questo esempio. Ho 5000 dollari sul mio conto titoli con la banca XY per comprare azioni YZ ma il mio istituto, vista l’esuberanza dei mercati garantita dal QE eterno della Fed, mi garantisce la possibilità di comprare altri 5000 dollari di titoli sul NYSE prestandomeli e tenendosi a garanzia i titoli YZ che ho appena comprato. Colgo l’occasione e compro altri 5000 dollari di titoli YZ, quindi sul mio conto titoli avrò 10000 dollari in titoli YZ e un debito con la mia banca XY di 5000 dollari - su cui ovviamente pago gli interessi - per una valorizzazione netta del mio conto di 5000 dollari. Un azzardo, visto che si scommette su un debito, ma finché gli indici azionari newyorchesi sfondano un record dopo l’altro, chi ha voglia di preoccuparsi del domani: si pensa a fare soldi, il più possibile e velocemente. Ma la banca XY nel mio contratto di prestito titoli ha messo una clausola, in base alla quale ha il diritto di vendere la mia posizione azionaria se la valorizzazione netta del mio conto scende sotto una certa soglia. E non pensiate che serva un’ecatombe perché scatti la margin call e la liquidazione dei titoli: dipende da quanto margine ho e quanto cala il titolo che detengo in portafoglio.

Siccome il margin debt è un indicatore molto importante del cosiddetto “moral hazard” e dell’esposizione del mercato alla leva, a metà di ogni mese la Borsa di New York pubblica i dati relativi al totale costituito sulle azioni quotate al NYSE, ovvero quanto denaro è stato dato in prestito da tutte le istituzioni finanziarie per acquistare titoli alla Borsa newyorchese, avendo messo come garanzia altri titoli azionari. Dato complementare che viene reso noto è quello del grado di capitale libero da margini in miliardi di dollari, ovvero il denaro non soggetto a prestito da parte di istituzioni finanziarie e che viene utilizzato per operare al NYSE. Il record di “margin debt” fu toccato nel luglio del 2007, quando si registrò la cifra record di 381 miliardi di dollari: subito dopo, la crisi finanziaria globale ebbe inizio. Stessa cosa accadde nel 1999-2000.

Dopo i minimi di mercato del 2009, il margin debt risalì fino alla contrazione della tarda primavera del 2010, protrattasi per tutta l’estate e conclusasi soltanto grazie all’annuncio di fine agosto giunto da Jackson Hole, quando Ben Bernanke attivò in grande stile la stamperia di Stato. Da allora, l’appetito per il margin debt ha ritrovato vigore. Nello scorso mese di marzo il margin debt era a quota 379 miliardi, in aprile ha sfondato ogni record salendo a 384 miliardi, poi è cominciato a scendere, guarda caso in concomitanza con le prime frizioni all’interno della Fed e con la possibilità del cosiddetto “taper” che diventava sempre più reale, almeno a parole. In maggio 377 miliardi di dollari, in giugno 376,6 miliardi. Poi, in luglio ha cominciato a risalire a quota 382 miliardi, esattamente come in agosto, invariata nell’attesa del “taper sì, taper no”. L’ultimo dato a noi disponibile è quello di settembre, appena reso noto dalla NYSE: 401 miliardi di dollari, 20 miliardi più del precedente record pre-crisi.


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >