BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPENDING REVIEW/ Pensioni e lavoro, quel taglio che affossa anche le imprese

Le entrate di pensionati e lavoratori, come tutte le voci di spesa dello Stato, sono state tagliate. Quindi, come si può pensare di tornare a crescere? Ce lo spiega MAURO ARTIBANI

Infophoto Infophoto

Mamma mia! In 2 anni sono stati oltre 118 i miliardi di euro sottratti dalle tasche dei pensionati e finiti nelle casse dello Stato. La denuncia è dello Spi-Cgil che aggiorna il calcolo con le maggiorazioni intervenute sulle tasse nazionali e locali, sul drenaggio fiscale e con il blocco della rivalutazione annuale delle pensioni. Di questi 101,6 miliardi sono arrivati direttamente dall'Irpef nazionale; 3,82 miliardi dalle addizionali regionali e 1,19 miliardi da quelle comunali, dice ancora il sindacato dei pensionati della Cgil, che calcola come “per il solo drenaggio fiscale i pensionati hanno pagato 3,6 miliardi di euro”.

Pressappoco la stessa cosa accade con il lavoro. Lo dice LabItalia: ex interinali, finti autonomi, contratti a “zero ore” o “mini-job” con orario molto ridotto. Sono solo alcune delle molteplici forme di lavoro “atipico” (solo in Italia se ne contano dalle 19 alle 46, a seconda di chi esegue il calcolo) diffuse in Europa. Un “esercito” di lavoratori che con la crisi sono diventati sempre più precari: 9 milioni, stando ai dati Eurostat, coloro che hanno un contratto di durata inferiore a 6 mesi, di cui l'80% ha meno di 40 anni. A lanciare l'allarme è l'Inca, il patronato della Cgil che ha promosso con altri partner sindacali europei (Cgil per l'Italia, Ces per l'Europa, Tuc per il Regno Unito, Fgtb per il Belgio, Dgb per la Germania, Ccoo per la Spagna) il progetto “Accessor” (acronimo di Atypical Contracts and Crossborder European Social Security Obligations and Rigths).

È il caso di continuare o basta così? E già, da questi numeri all'essere costretti a fare spending rewiev, per questi poveri cristi, il passo è breve e risoluto, per tentare di salvare il salvabile di quel che resta del portafoglio. Quando questo accade, accade pure che chi deve produrre nuove merci ci pensi su due volte prima di farlo. Lo grida la caduta del 25% della produzione industriale dall'inizio della crisi. Già, pure qui spending rewiev!

E non finisce qua: se non si guadagna abbastanza, se si riducono i profitti, si riduce il prelievo fiscale diretto; se si spende meno, si riduce quello indiretto. Beh, se si riducono le entrate fiscali vengono a mancare le risorse per finanziare il welfare e pure qui tocca fare spendig rewiev.