BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

TELECOM/ Il "giallo" dei bond dietro le indagini di Consob e Finanza

InfophotoInfophoto

Il problema è che questo aumento di capitale “in pectore” non è stato offerto in opzione a tutti gli azionisti. Il prestito appare particolarmente conveniente, ma quello che conta è che non tutti hanno potuto sottoscrivere un prestito che si trasformerà con ogni probabilità in nuove azioni Telecom Italia. Il “retail”, i piccoli investitori sono rimasti esclusi (era riservato agli istituzionali); ma anche Fossati che detiene circa il 5% del gruppo e attorno a cui si sarebbe potuto o si potrebbe coagulare una compagine diversa da quella di Telefonica non ha ricevuto alcuna obbligazione.

Immaginiamo la scena: Blackrock sottoscrive 200 milioni di euro, Telefonica 103 milioni, chiama Fossati ma i titoli sono finiti. Se ci fossero velleità di aumentare la presa sul controllo di Telecom Italia chi fosse stato escluso per qualsiasi motivo, certamente in questo caso del tutto casuale, dalla sottoscrizione di questo strumento probabilmente avrebbe avuto una cattiva notizia. Perchè Blackrock ha preso 200 milioni, Telefonica 103 e Fossati che pure dichiara di aver voluto sottoscrivere niente?

I sottoscrittori del convertendo hanno una cedola del 6,125% all’anno (molto molto allettante), mentre gli azionisti probabilmente non vedranno il dividendo. La Findim di Fossati ha chiesto la convocazione di un’assemblea che si terrà il 20 dicembre per revocare il cda che evidentemente è espressione dell’attuale maggioranza. Non sappiamo dove porteranno le indagini, probabilmente non porteranno a niente. Ma la storia del “convertendo” di Telecom merita davvero tante, tantissime attenzioni.

Dopo anni di immobilismo, alla vigilia di un’assemblea delicata viene emesso uno strumento che per sue stesse intrinseche caratteristiche potrebbe cambiare la situazione attuale e che per il suo rendimento potrebbe costituire un vero affare per i sottoscrittori (i fortunati che hanno potuto comprare). Se Telecom Italia ha bisogno di un aumento di capitale se ne faccia uno vero offerto in opzione a tutti gli azionisti altrimenti tutti i dubbi e le dietrologie peggiori sono lecite.

Ne avanziamo alcune delle più cattive sentite e sicuramente ingiustificate e che proprio per questo sarebbe stato meglio cancellare ex-ante con un bell’aumento in opzione: per chi voterà Blackrock in assemblea? Chi ha interesse a blindare lo status quo? A chi verranno pagate commissioni?

© Riproduzione Riservata.