BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA/ Italia-Ue, una "guerra" che può costarci altre tasse

InfophotoInfophoto

Il punto: in realtà non ci interessa sapere chi ha torto o ragione, ma se e a quali condizioni la Commissione cambierà valutazione. Viste le posizioni, potrà farlo solo di fronte a fatti reali che il nostro governo potrà mostrare solo a 2014 inoltrato: troppo tardi per evitarci salassi e perdite.

Cosa bisognerebbe fare per evitare questi danni? Tagliare più spesa pubblica corrente di almeno 6-7 miliardi, considerando che almeno 80 miliardi sono inutili o sprechi su circa 800, cosa che ci farebbe restare entro i parametri anche se la crescita del Pil fosse dello 0,7% nel 2014.

 

www.carlopelanda.com

© Riproduzione Riservata.