BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA/ La Grecia brinda, ma la Cina si "mangia" Atene

InfophotoInfophoto

Mi torna in mente cosa dichiarò in un’intervista lo scorso 12 novembre il professor Christian Marazzi della Scuola Universitaria della Svizzera Italiana: «Si pensi che la Commerzbank è esposta per un quarto su attivi legati allo shipping, e questo in un periodo in cui il commercio mondiale è in netta diminuzione e tutto il settore della logistica sta attraversando una vera e propria crisi da sovrapproduzione. Per questo i tedeschi vorrebbero una supervisione dei bilanci condotta dalle autorità monetarie di ciascun Paese, appunto per gestire a modo loro questa crisi bancaria finora sempre mascherata». D’altronde, quando da poche ore possiamo gioire per un accordo-lampo tra Usa e Iran, che ha fatto imbestialire Israele, ma che ha garantito ancora una speranza a chi aveva giocato troppo con i futures petroliferi, come non affidarsi alle massima di Giulio Andreotti e lasciarsi andare un po’ al pensar male?

D’altronde, è proprio di ieri la notizia che in base a Moody’s l’attività dry cargo dovrà patire ancora per circa 12-15 mesi. Ma non importa, l’importante è che lo shipping - ovvero la scommessa di chi credeva a una ripresa sostenuta e sta per farsi molto male - torni a tirare: sia esso attraverso accordi come quello greco oppure su pressione sul mercato petrolifero come quella derivanti dallo storico accordo Washington-Teheran. Insomma, gioite, le Grecia riparte dagli occhi a mandorla. Io però oltre a leggere le notizie ufficiali, a volte leggo anche altro.

Già, perché per capire economia e finanza non serve sempre leggere siti ad hoc, a volte è più educativo per capire lo stato di salute di un Paese, leggere l’ultimo report dell’Organizzazione Mondiale per la Sanità. Ecco cosa scopriamo leggendo il capitolo dedicato alla Grecia. I suicidi sono saliti del 17% dal 2007 al 2009 e del 25% nel 2010, mentre il ministero della Sanità parla di un aumento del 40% dei suicidi nella prima metà del 2011 rispetto allo stesso periodo dell’anno prima. Sono inoltre aumentati i tentativi di suicidio, raddoppiati i numeri relativi a omicidi e rapine-furti, ma soprattutto un dato ci spiega quanto la Grecia sia fuori dalla crisi grazie alla troika: è aumentato significativamente il numero di dipendenti da eroina e di persone con Hiv, oltre la metà delle quali si sono ammalate volontariamente per poter ricevere i benefit da 700 euro al mese e un’ammissione più rapida a programmi sanitari di cura per la disintossicazione.

Già perché l’accesso alle cure del sistema sanitario nazionale è crollato, il budget per gli ospedali tagliato del 40% e 26mila addetti nel sistema (di cui 9100 dottori) perderanno il loro lavoro nei prossimi mesi per le richieste della troika. Condannarsi a morte, devastare senza rimedio il proprio sistema immunitario contraendo volontariamente l’Hiv da una siringa infetta per vedersi garantito ciò che è un diritto in tutte le nazioni civili, ovvero la sanità, scusate ma da solo farebbe meritare una denuncia per crimini contro l’umanità a chi ha ridotto così quella che è stata la culla della civiltà. Ora divenuta patria della svendita ai cinesi e dell’Hiv autoprocurato. In compenso, abbiamo l’euro. Gran bella soddisfazione e gran bella consolazione. 

© Riproduzione Riservata.