BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA/ 2. Giannino: multiamo la Germania per salvare l'euro

Per OSCAR GIANNINO, quella della Bce è una scelta che dal punto di vista teorico va a beneficio degli Stati più in difficoltà come l’Italia, anche se non basterà a riequilibrare l’area euro

InfophotoInfophoto

«La Bce è intervenuta energicamente abbassando i tassi d’interesse per il profilarsi della prospettiva di una deflazione che presenta gravi rischi per i paesi euro deboli come l’Italia». Lo sottolinea Oscar Giannino, giornalista economico, commentando la decisione dell’organismo presieduto da Mario Draghi di portare il costo del denaro allo 0,25%. Per Giannino, «quella dell’Eurotower è una scelta che dal punto di vista teorico va a beneficio degli Stati più in difficoltà come Spagna, Italia e Grecia, anche se non basterà a riequilibrare l’area monetaria dell’euro che si presenta sempre più disomogenea. Gli eccessi di surplus di parte corrente della Germania da anni hanno superato il 6%, in contrasto con quanto prevedono le norme Ue, ma nessuno osa aprire una procedura d’infrazione per paura dei tedeschi».

Quali saranno le conseguenze della mossa della Bce?

Per l’economia reale dell’Italia le conseguenze non saranno purtroppo abbastanza incisive. Gli impieghi alle famiglie e alle imprese quasi mai sono fatti avendo come riferimento il tasso d’interesse ufficiale. Il taglio del tasso di riferimento praticato ieri dallo 0,50% allo 0,25% avviene in presenza di una media dell’interbancario europeo che è già bassissima, cioè di 9-10 punti base overnight tra banche. Ciò ha portato l’Euribor a essere a sua volta bassissimo. Bortolussi ha dichiarato che ciò vorrà dire 2,3 miliardi di costi in meno per le imprese. In realtà, però, l’effetto è molto più contenuto.

Qual è quindi il vero significato della decisione di Draghi?

A contare nel taglio dei tassi di giovedì, più che gli effetti sull’economia reale, è la tendenza che Draghi ha affermato energicamente nella conferenza stampa. La maggioranza del consiglio della Bce, nonostante l’opposizione della Bundesbank, ha deciso di reagire rapidamente ai dati sulla riduzione molto forte nell’andamento dei prezzi dell’area euro. È una reazione che fa capire come la maggioranza della Bce interpreti il suo mandato non in maniera rigorosamente ortodossa alla tedesca. Per Berlino l’unico obiettivo dell’Eurotower sarebbe quello di non fare aumentare l’inflazione oltre il 2%, ma per Draghi evidentemente non è così.

In che modo Draghi concepisce il suo mandato?

La sua è un’interpretazione molto dinamica e tempestiva, per cui la deflazione è un grande rischio e quindi richiede un intervento. Draghi in conferenza stampa ha inoltre annunciato altri interventi. Tra questi ci sarà sicuramente una nuova Ltro, cioè un’altra asta di liquidità a scadenza molto lunga e a basso costo.

Perché la deflazione è pericolosa?


COMMENTI
09/11/2013 - ormai è chiaro.... (Eugenio Bravetti)

la nave sta affondando e le persone come Giannino abbandonano la nave....sembra che è stato folgorato sulla via di Damasco ultimamente come molti altri ma è che vuole semplicemente scendere dal carro perdente...cmq sia bene cosi