BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

SPY FINANZA/ Gli Usa spingono Draghi a usare "l'arma segreta"

InfophotoInfophoto

Oltretutto smentendo una diceria abbastanza diffusa negli ambienti finanziari, ovvero che gli assets hanno già prezzato almeno in larga parte l’ipotesi di un “taper”: andate a vedervi la reazione di Borse, oro e argento, rendimenti obbligazionari e dollaro subito dopo la diffusione del dato sull’occupazione e capirete che di prezzato non c’è proprio nulla. Quindi, quando davvero arriverà almeno il momento di rallentare quel fiume di denaro - e prima o poi la Fed dovrà farlo - quale sarà la reazione dei mercati globali? A quale correzione dei corsi dobbiamo prepararci? Io temo che il dato di ieri sia stato un po’ “cucinato”, visto che, anche alla luce dello shutdown, quella cifra mi pare abbastanza bizzarra. Ma questo fa parte del gioco, le banche centrali per statuto devono anche manipolare la realtà per poter operare al meglio. O, quantomeno, nell’interesse della propria economia.

Quando comincerà a farlo anche la Bce? Mario Draghi, se mai leggesse queste righe, non prenda la mia come una provocazione ma come un consiglio. Accorato, quasi disperato. 

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
09/11/2013 - Economia reale (Diego Perna)

Cos' é l' economia reale?Si lo sappiamo cosa é, ma se lo dovessimo spiegare potremmo dire che é ancora quella che si basa sui beni reali che a loro volta sono frutto di lavoro? Io non credo sia piú possibile. C' é la moneta che ha un suo ruolo, la finanza che ha il suo, e poi ci sono tutte le contromosse della fed, del FMI, della Bce e degli stati( meno l' Italia che cercano di manovrare ognuno per il proprio tornaconto. In tutto questo i poveri e disgraziati lavoratori, quelli che sono rimasti, sono sparite in tre anni 400.000 partite iva che non hanno alcun paracadute , non contano e non passano, se non appunto come numeri per titolo di giornali, ma il dramma che vivono queste persone figuriamoci a chi , dei nostri grandissimi ministri bravissimi gliene frega qualcosa. Se io fossi ministro , non ci dormirei la notte, e nemmeno sfoggerei sorrisi a tutta dentiera come fossi lo spot di un dentifricio sbiancante. Ma si sa i ns son tristi solo se Berlusconi é triste o ha problemi con Mubarak e la nipote. Non parliamo di Pd e compagnia, c' é da mettersi direttamente a piangere, nessuno difende le ns imprese e i l ns lavoro, anzi. Devo dire sono sempre piú convinto che qualcuno sia stato pagato per distruggere il nostro capitale umano e manifatturiero, forse perché fare ad esempio il falegname é il mestiere del Figlio di Dio. Ci sará un motivo. Buona serata