BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ 2. Euro, così abbiamo "regalato" 40 miliardi alla Germania

Infophoto Infophoto

Da noi la disoccupazione giovanile ha superato il 40%, che è il limite massimo dal 1977; quella generale ha toccato quota 12,5%; secondo calcoli delle associazioni dei consumatori, dal 2001 al 2012 abbiamo perso il 39,7% del nostro potere d’acquisto, quando i sacerdoti dell’euro ci dicevano che l’inflazione era solo percepita. Pensi che i due documenti che sono alla base del trattato di Maastricht - “One market, one money” e il rapporto Delors - prevedevano tutt’altro.

 

Cosa prevedevano?

Un incremento nel medio periodo, che significa in 4-5 anni, del 5% del reddito; un aumento dell’occupazione, sempre nel medio periodo, di 2 milioni di unità e una riduzione dei prezzi del 6%. Si è verificato esattamente l’opposto. Ma far presente queste cose si viene tacciati di populismo.           

 

(2- continua)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
30/12/2013 - Basta essere schiavi dei trattati iugulatori (Carlo Cerofolini)

Basta essere schiavi di trattati – che per Bismark erano solo pezzi di carta – fatti in epoche antidiluviane e di diktat che stanno portando l’Italia alla rovina. Ciò detto dobbiamo quindi avere il coraggio di denunciare unilateralmente i trattati eurolandici che ci strangolano e riprendiamoci la nostra sovranità monetaria uscendo dall’euro, a meno che le cose non cambino: 1) niente fiscal compact; 2) Bce banca di ultima istanza; 3) emissione di eurobond; 4) Bce deve intervenire per mantenere la parità fra euro e dollaro (1:1); ecc... Insomma à la guerre comme à la guerre, senza più sciocchi timori riverenziali perché siamo una grande Nazione ed un grande Popolo e non dobbiamo né possiamo permettere a chicchessia di ridurci a colonia.

 
30/12/2013 - chi e come ha fregato maastricht? (antonio petrina)

La domanda vera forse è questa : chi e come è stato fregato lo spirito di Maastricht? il prof Di Taranto dice che è stata la Germania che ci ha fregato 40 miliardi con il mercato unico, salvo a scoprire l'errore teutonico di investirli in titoli tossici ( bontà loro! ),mentre noi da Maastricht che guadagno abbiamo avuto ? A rileggere le pagine di Carli (Cinquant'anni di vita italiana,La Terza,1996) , artefice con Pohl, del Trattatto e specie dell'art 104 c) sui disavanzi eccessivi,occorre dire che con Maastricht è stato infranto il sogno di Mefistoefele cioè di battere moneta con la finanza allegra del deficit spending,ma lo spirito italico ,con lo schermo di Maastricht ha superato il Trattato, come ? Battendo debito a go go ed oggi siamo alla prese per ridurlo ! Come ? Con le patrimoniali (grazie a Monti) ed i compiti di austerity, approvati in sede UE,con le quali siamo entrati in recessione ? No Grazie! Non sarebbe il caso di aiutare la crescita come negli Usa e che lo spirito di Maastricht, con le finanze in ordine e qualche riforma utile ( dopo quella previdenziale ,a merito del governo tecnico)prevedeva ? Ci aiuta in tal senso la burocrazia europea a crescere e, specialmente, si fidano ancora dell'Italia ?