BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

MENO TASSE?/ Nel 2013 le famiglie ne hanno pagate di più

Per GUSTAVO PIGA, affermare che nel 2013 il Fisco pesa meno sulle famiglie è pura disinformazione. Nella realtà la pressione fiscale rispetto al 2012 è cresciuta dal 44% al 44,4%

Famiglie sempre più tassateFamiglie sempre più tassate

“Affermare che nel 2013 il Fisco pesa meno sulle famiglie italiane è pura disinformazione. Nella realtà i documenti ufficiali del governo testimoniano che la pressione fiscale rispetto al 2012 è cresciuta dal 44% al 44,4%. Se si vuole dare un segnale di speranza ai consumatori non basta certo la mini-riduzione del cuneo fiscale, ma occorrono misure più energiche”. Il modo con cui i principali quotidiani italiani hanno dato la notizia relativa all’ultimo studio della Cgia di Mestre ha lasciato “basito” il professor Gustavo Piga, docente di Economia politica all’Università “Tor Vergata” di Roma. La Cgia ha condotto simulazioni su tre diverse situazioni. Un giovane operaio single finisce per dover pagare 15 euro in meno di tasse in un anno. Una coppia con marito e moglie che lavorano e un solo figlio risparmia invece 178 euro, mentre una famiglia monoreddito con due figli deve versare 250 euro in meno.

Professor Piga, che cosa ne pensa dei risultati che emergono da questo studio della Cgia di Mestre?

Lo studio è certamente utile, ma rimango basito nel leggere su giornali prestigiosi titoli come “Nel 2013 il Fisco pesa meno sulle famiglie”. Nella realtà questo beneficio non riguarderà i lavoratori autonomi che non potranno trarre vantaggi dal taglio del cuneo fiscale, e che saranno quindi chiamati a pagare di più di quanto abbiano versato quest’anno. Tutt’al più si può dire quindi che su alcune famiglie ci sarà una minore pressione fiscale, ma non su tutte.

Ma non è stupito per il fatto che, almeno per una parte dei contribuenti, le tasse non siano aumentate?

Va ricordato che nel 2013 i redditi sono calati, e la tassazione va considerata in proporzione al reddito. Dalle stesse tabelle della Cgia risulta che nel 2013 per un individuo con 19.700 euro, le tasse sono scese di 15 euro rispetto al 2012: significa che la pressione fiscale si è ridotta di meno dello 0,1%. Nello stesso periodo il Pil italiano è sceso ben di più, e quindi è probabile che l’individuo considerato paghi delle tasse più elevate in percentuale al reddito.

Nel complesso come è cambiata la pressione fiscale nel 2013?