BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINMECCANICA/ Forte: un’arma per colpire Monti, Berlusconi (e "nascondere" Mps)

InfophotoInfophoto

Questo nuovo caso distoglie parzialmente l’attenzione dal caos Monte dei Paschi, senza contare poi il fatto che, oltre all’avvicinamento con la Lega, si è parlato di una grave responsabilità del governo Monti che avrebbe dovuto far dimettere Orsi molto prima.

 

Un attacco rivolto a tutti…

Si tratta di un chiaro “gioco al massacro” della sinistra che, una volta vinte le elezioni, intende mettere le mani su realtà italiane come questa. E’ però un rischio enorme che, come sappiamo, riguarda imprese che trattano altissima tecnologia spesso sotto segreto militare. Ci sono poi altri aspetti dell’intera inchiesta che proprio non convincono.

 

Per esempio?

Innanzitutto, l’accusa di corruzione internazionale, ipotizzata al di fuori dal nostro territorio nazionale in un modo che mi sembra scarsamente di competenza della nostra autorità giudiziaria, ma che comunque deriva da un chiaro desiderio dei magistrati di Napoli.

 

Quale?

 Quello di processare Valter Lavitola (presunto contatto panamense per Finmeccanica, ndr) che, secondo queste fantasie, dovrebbe aver avuto un ruolo nella vendita degli elicotteri.

 

Non ci crede?

Pongo una domanda: il Governo dell’India, un Paese con 800 milioni di abitanti, acquista elicotteri per milioni di euro perché è Lavitola a organizzare l’operazione oppure semplicemente perché Agusta è una grande azienda? Mi sembra davvero che l’intera vicenda sia priva di alcun senso, come anche alcune delle motivazioni che hanno portato all’arresto di Orsi.

 

Quali in particolare?