BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ENI-SAIPEM/ Maxi tangente in Algeria, indagati Paolo Scaroni e altri sei dirigenti

Pubblicazione:giovedì 7 febbraio 2013

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

L’amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, risulterebbe indagato per corruzione internazionale nell’ambito dell’inchiesta portata avanti dalla Procura di Milano e dalla Guardia di Finanza riguardo una presunta maxi tangente versata ad alcuni esponenti del governo dell’Algeria. In particolare, sembra che Scaroni abbia pagato una mazzetta da quasi 200 milioni di euro per garantire che Eni si aggiudicasse una commessa di 11 miliardi di dollari. Il nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza ha svolto perquisizioni presso gli uffici di Roma e San Donato Milanese di Eni e Saipem, mentre le Fiamme Gialle si sono recate presso l'abitazione milanese di Scaroni in viale Majno. Oltre a Scaroni, anche Saipem e la controllante Eni sarebbero coinvolte nelle indagini come persone giuridiche, secondo le procedure previste dalla legge 231. "Siamo totalmente estranei", ha detto poco fa l'ad di Eni all'Ansa. Secondo le indagini dei pm di Milano Fabio De Pasquale, Giordano Baggio e Sergio Spadaro, al centro dell’inchiesta vi sarebbe una commessa di 11 miliardi di dollari e una maxi tangente da 197 milioni di euro. Secondo quanto emerge fino ad ora dall’ipotesi accusatoria, sembra che Eni e Saipem abbiano elargito i quasi 200 milioni di euro a una società di Hong Kong, la Pearl Partners Limited, che fa a capo all’intermediario Farid Noureddine Bedjaoui. Questo denaro sarebbe poi stato distribuito a esponenti del governo algerino, faccendieri e manager Sonatrach. Lo stesso Scaroni, secondo l’inchiesta, avrebbe partecipato almeno a un incontro con Bedjaoui proprio con l’obiettivo di far aggiudicare all’Eni le commesse miliardarie. Proprio il direttore finanziario Alessandro Bernini e il direttore dell'area Engineering&Construction, Pietro Varone, avrebbero comunicato con la Pearl Partners Limited, mentre dalle carte degli inquirenti sarebbero emersi legami economici tra Bedjaoui, rappresentante legale della società di Hong Kong, e la ex moglie di Varone. Intanto proprio la notizia delle indagini in corso sta trascinando verso il basso il titolo di Eni (-4,62%), mentre attualmente ancora regge quello di Saipem (+5,07%). 


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
07/02/2013 - ma questi magistrati per chi lavorano? (Emilio Colombo)

mi ripeto rispetto alla questione ILVA ma qs gente che paghiamo lavora per l'italia o per qualcun altro? 1+1 non farà 2 ma insomma... noi mangiamo perchè trasformiamo le materie prime che compriamo, viviamo di export e non abbiamo l'energia...non lo sanno tutti? Ovviamente nei paesi più poveri e devastati di noi la corruzione non esiste, negli altri paesi più ricchi di noi la corruzione non esiste, esiste solo in italia, e i grandi business internazionali nei settori strategici sono gestiti sicuramente da gente immacolata e perfetta e ovviamente non possono essere italiani (brava gente ma inaffidabili come è noto). Mi verrebbe da pensare che se ho una torta da dividere in 190 fette e viene meno uno dei commensali, gli altri 189 guadagnano briciole, ma se i commensali sono meno di 10 e uno non ha le mani pulite....