BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RAPPORTO BENESSERE/ Nella crisi due "miniere" per l’Italia

Pubblicazione:martedì 12 marzo 2013

Fotolia Fotolia

Ci sono degli indici particolari, chiamati “indici di deprivazione”, che considerano una serie di nove voci, tra le quali, per esempio, l’utilizzo del riscaldamento da parte delle famiglie. Quando più di quattro elementi sono al di sotto della soglia di soddisfazione (misurazione da 0 a 10), al di sotto del 6 in questo caso, siamo in una situazione di grave difficoltà.

 

Dai dati diffusi ieri emerge uno scenario molto critico: siamo messi veramente così male?

 Io sono un inguaribile ottimista, leggendo i dati vedo che l’Italia è un Paese che risente della crisi e ha un punto di partenza molto arretrato rispetto ai competitors europei e internazionali, ma è anche vero che nel Rapporto ci sono moltissimi elementi sui quali è possibile investire per dare delle prospettive positive.

 

Quali sono gli strumenti che abbiamo per far fronte a questa crisi?

 Noi abbiamo visto, per esempio, che nel dominio del paesaggio e del patrimonio culturale siamo dei leader a livello mondiale: non lo diciamo noi, ma l’Unesco. Il fatto che anche nelle altre esperienze di misurazione alternativa al Pil non sia mai stato preso in considerazione un dominio dedicato al paesaggio e al patrimonio culturale la dice lunga.

 

Ogni quanto tempo verrà aggiornato il Bes?

 Per il momento una volta all’anno. Abbiamo chiuso la presentazione con un arrivederci all’anno prossimo.

 

(Elena Pescucci)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.