BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DOPO IL VOTO/ Arrigo: ci vuole un "Grillo tecnico" per abbassare le tasse

Pubblicazione:sabato 2 marzo 2013 - Ultimo aggiornamento:sabato 2 marzo 2013, 18.57

InfoPhoto InfoPhoto

Dovrebbe attuare la parte più ragionevole delle riforme inserite nel programma del M5S. Mi riferisco alla riduzione dei costi della politica e della casta, all’avvicinamento tra le condizioni economiche dei parlamentari e quelle della gente comune. Si tratta di proposte che non sono condivise soltanto dal 25% che ha votato per Grillo, ma dai tre quarti degli italiani. Il nuovo presidente del consiglio dovrebbe attuare queste riforme senza accordarsi con Grillo, né tantomeno affermare che le sta attuando per compiacere il leader del M5S, ma dovrebbe farle proprie mettendole nel suo programma elettorale. I costi, i benefici e il numero di persone che vivono di politica andrebbero fatti convergere su standard europei.

 

Quali altri punti programmatici andrebbero attuati dal nuovo governo?

Il governo di minoranza dovrebbe attuare alcune riforme economiche, a partire dalla riduzione della pressione fiscale e dall’aumento dell’efficienza dei servizi pubblici e delle produzioni pubbliche. Queste due messe assieme porterebbero a una riduzione del peso dello Stato sul sistema economico.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.