BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CASO CIPRO/ L'Europa degli Schettino ha gettato la maschera

Pubblicazione:mercoledì 20 marzo 2013 - Ultimo aggiornamento:mercoledì 20 marzo 2013, 10.31

InfoPhoto InfoPhoto

Sì, c’è la Russia di Putin che non ha gradito, perché molti suoi concittadini stanno facendo affari a Cipro e hanno tanti depositi bancari. Poi c’è una nota del primo ministro britannico, David Cameron, in cui dice che rimborserà la tassa ai militari che sono nell’isola da decenni. L’Inghilterra ha già un piede fuori dall’Europa e quanto sta accadendo non può che compromettere ulteriormente i rapporti tra Regno Unito ed Europa.

 

Quali effetti avrà tutta questa situazione?

È evidente che l’effetto sarà dirompente e interesserà anche altri paesi. Ma insisto sul problema dell’incrinatura grave, della rottura che si avrà nel rapporto di fiducia con le persone. Di fronte a una simile iniziativa, mi viene voglia di parlare di “effetto Schettino”. È come se i passeggeri di una nave e l’equipaggio dubitino delle capacità del comandante di saper pilotare una nave. È questo l’aspetto più grave.

 

Prima ha accennato a un approccio ragionieristico, come ha fatto Fitoussi, mentre i fenomeni economici sono più complessi, hanno per loro natura delle interdipendenze...

È la cosa più evidente che balza agli occhi. Ci sono a volte delle manovre che, in sé, possono apparire giuste, ma non tengono conto delle conseguenze. In questo caso sto pensando alla manovra fatta da Mario Monti l’anno scorso in Italia. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti.

 

(Gianluigi Da Rold)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
20/03/2013 - Il silenzio assordante dei politici (Carlo Cerofolini)

Non mi pare di aver ancora letto o sentito nessuna dichiarazione in merito a questa operazione dissennata da parte dei nostri esponenti politici e soprattutto del governo ed il loro silenzio è veramente assordante e preoccupante, perché, mentre la finanza internazionale si prepara a sbranarci, significa che siamo senza guida, proprio come nella famosa invettiva lanciata da Dante: “Ahi serva Italia di dolore ostello, nave senza nocchiere in gran tempesta….”. Marò duri ci attendono.

 
20/03/2013 - Ma dove sono i cristiani che governano in Europa? (Luigi PATRINI)

Forse gli ultimi sono a Roma, ma abitano in uno Stato che li fa essere "extracomunitari", come Quel Palestinese di cui il loro Capo dice di essere il vicario. Il problema è nella domanda posta; non credo che la soluzione sia convertire gli euro in dollari o in franchi svizzeri e rifugiarsi nella Confederazione Elvetica. Semmai dovremmo andarcene via noi dall'Europa e trasferirci nell'America Latina, dove forse si è già trasferito anche ....lo Spirito Santo! Ma dove sono i cristiani che governano l'Europa o negli Stati della UE?. Non si sono accorti di nulla? Non hanno niente da dire? Andiamo in Sud America, forse il mate ci darà un po' di conforto... Forse però è meglio andare a Cipro...in fondo il primo cristiano che ha avuto un peso vero ed importante in politica era un certo Sergio Paolo, governatore di Cipro convertito da tal Paolo di Tarso e dal cipriota Barnaba solo una dozzina d'anni dopo che Cristo era risorto!

 
20/03/2013 - Incompetenza o disperazione ? (Vittorio Cionini)

I casi sono due: - la commissione europea é un ghetto dove i governi scaricano i più imbecilli; - non c'erano altre scelte possibili. Se fosse vera la seconda ipotesi saremmo effettivamente alla frutta. Perché adottare un provvedimento dalle conseguenze psicologiche devastanti per tutta l'Europa per far fronte ad un modesto (in valore assoluto) aiuto ad una popolazione di un milione di persone significa che non ci sono più margini di manovra. Come Schettino siamo sugli scogli e il naufragio é inevitabile. La prima ipotesi sarebbe una conferma ma lascierebbe l'illusione che si possa rimediare cambiando le persone. Temo che siano vere tutte e due. Vittorio Cionini

 
20/03/2013 - Cosa fare? (Alberto Consorteria)

Prof. Arrigo, che fare? Trasferisco tutti i risparmi in un conto USA, comprando dollari? O compro franchi, e trasferisco tutto in Svizzera?