BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ I "vasi comunicanti" che mettono in crisi le famiglie italiane

Infophoto Infophoto

La classe media non c’è nei paesi poverissimi, da noi per fortuna c’è una notevole classe media, certo è quella su cui adesso preme di più la ridistribuzione della ricchezza: i ricchi non cedono neppure una briciola e quindi per far stare un po’ meno male i poveri occorre reprimere la classe media. Questo è un altro harakiri del capitalismo, perché reprimere la classe media significa reprimere la classe che consuma di più.


In questo quadro, secondo lei, quali scenari si apriranno nel futuro?

La ricchezza complessiva del pianeta aumenta di 3-4 punti l’anno: vuol dire che nel 2020 ci sarà un +15% e contemporaneamente il Pil dei paesi ricchi diminuirà di altri punti nel prossimo futuro. Ci sarà un ulteriore sviluppo delle nuove tecnologie che porterà un aumento della disoccupazione e una maggiore parità uomo-donna.

 

(Elena Pescucci)

© Riproduzione Riservata.