BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RIPRESA NEL 2014?/ Arrigo: come vincere alla lotteria...

Infophoto Infophoto

Credo proprio di sì. Noi abbiamo un cuneo fiscale, un costo del lavoro che è superiore di dieci punti alla media degli altri paesi. Come è possibile produrre in queste condizioni? Si aggiunga poi la tassa dell'Irap sul valore aggiunto. Con una simile pressione fiscale non si va da nessuna parte e il massimo che si possa sperare è che ci si fermi in questo rotolamento verso il basso.

 

Lei non vede possibilità di uscita da questa profonda recessione?

Guardo anch'io alla “tempesta” politica e di certo non posso essere confortato. Qui ci vorrebbe qualcuno che nel giro di pochi mesi ristrutturasse tutto l'impianto fiscale e contributivo del Paese. Mi lasci fare una battuta amara: è più probabile che io o lei, con una sola schedina, vinciamo alla lotteria.

 

Prospettiva piuttosto incerta... Che futuro ci aspetta?

Le ipotesi sono due: o il fallimento o l'arresto della caduta. Si noti poi che, in tutto questo, c'è un'ulteriore riduzione dei consumi, soprattutto nei beni essenziali, come quelli alimentari, Come si fa a non capire che questa è una situazione estremamente complicata? Se si arriva a autoridursi i beni essenziali, vuol dire che solo due soggetti economici in Italia possono programmare le loro spese: i ladri e lo Stato. E' spiacevole a dirlo, ma mi sembra un dato di fatto. 

 

(Gianluigi Da Rold)

© Riproduzione Riservata.