BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

DELLA VALLE/ Da Assopopolari già 370 milioni in tre anni per la solidarietà

Assopopolari commenta l'annuncio di Diego Della Valle di voler destinare l'1% degli utili “a progetti di solidarietà a sostegno del territorio”. Le parole del presidente Emilio Zanetti.

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Assopopolari commenta il recente annuncio di Diego Della Valle di voler destinare l'1% degli utili “a progetti di solidarietà a sostegno del territorio”. Il patron della Tod’s ha anche rivolto un appello a tutte le altre imprese in salute che "vogliono bene all'Italia" affinché possano fare altrettanto. “Apprezziamo l’appello di Diego Della Valle di destinare l’1% dell’utile netto di bilancio a progetti di solidarietà e sussidiarietà territoriale - ha detto il presidente dell’Assopopolari Emilio Zanetti - che è una realtà già concreta e storica nel modo di essere prossimi alle necessità delle comunità e dei territori  delle banche popolari cooperative”. L’affermazione delle Banche popolari, si legge in un comunicato stampa diffuso recentemente, “è una conseguenza della loro scelta, fatta a livello istituzionale negli statuti, di perseguire una cultura economica fondata sulla solidarietà e sulla partecipazione responsabile. Questo il motivo per cui esse decidono di intervenire a sostegno dell’economia reale anche, o meglio, specie nei momenti di più profonda crisi quali quelli che stiamo vivendo in questi ultimi anni. Ridistribuire nella maniera migliore, quella più produttiva, il valore aggiunto realizzato equivale per esse a raggiungere la più alta efficienza allocativa”. “Ne fa fede - conclude il presidente Zanetti - la quota parte dell’utile netto, compresa fra il 2% e l’8%, che le popolari cooperative erogano per interventi a favore delle comunità e dei territori per un importo che negli ultimi tre anni è stato complessivamente pari a circa 370 milioni di euro e che ha riguardato, in particolare, il sostegno agli svantaggiati e gli interventi in campo sanitario, culturale e di pubblica utilità”.

© Riproduzione Riservata.