BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Sapelli: Italia ancora in crisi per colpa di Draghi

Pubblicazione:

InfoPhoto  InfoPhoto

Gli Usa con la Fed, e recentemente il Giappone con il nuovo banchiere centrale uscito dal cappello di un Abe deciso a ridare al Paese la sua supremazia economica dinanzi a una Cina sempre più pericolosa, iniziano a combattere non il deficit bancario ma quello sociale: abbattere la disoccupazione e riattivare il sistema sanguigno delle imprese che non trovano la trasfusione bancaria per il meccanismo della ripresa.

La Banca d’Inghilterra, con il suo nuovo governatore che non a caso viene dal Canada keynesiano che non è stato investito dalla recessione, non solo segue la linea della Fed, ma vincola l’erogazione di liquidità alle banche all’impegno che esse sottoscrivono di riversare la liquidità non per la ricapitalizzazione, ma in misura consistente per le imprese e le famiglie. Insomma, solo la Bce sta a guardare e Draghi - che pure tutto si è inventato per aggirare la Bundesbank e le guardie prussiane nel direttorio della Bce sino a spingerne un paio alle dimissioni - è ora in ritardo e in difficoltà.

La Bce è in affanno, affanno politico e il Regno Unito si allontana sempre più dall’Europa, da potenza transatlantica qual è. Brutti tempi per l’Europa e brutti tempi per le imprese e le famiglie. Ci vuole più coraggio, caro Mario!

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
09/04/2013 - C'è un buco nel ragionamento (Claudio Baleani)

Sembra che la questione sia: o rinunciamo al pareggio di bilancio (e alla speranza di pagare prima o poi i debiti) oppure rinunciamo ai posti di lavoro, alle imprese, all'ordine pubblico e alla coesione sociale. Non vi pare che messe così le cose non funzionano? E perché mai chi può guadagnare con la speculazione non dovrebbe farlo? E la speculazione chi è? Non sono tutti quelli che hanno qualche soldo e telefonano al proprio gestore per spostare i soldi da una parte o dall'altra? La Germania è il nemico. Ma come fa a vincere? La Germania non ha un debito pubblico in valore assoluto come quello italiano? La Germania non ha varie magagne nel sistema bancario? Come mai queste cose sono sparite dalla discussione? Per far funzionare il rapporto con la Germania è inutile far appello a Draghi. Bisogna attrezzarsi per fare la guerra. E per fare la guerra è necessario trovare alleati e riportare sul piatto della discussione tutti gli argomenti e non solo quelli dove siamo messi male. Dunque: autorità centrale ispettiva sulle banche, ricalcolo dei deficit secondo criteri attuariali di competenza e non di cassa. Altrimenti rovescio il tavolo e mi attrezzo per consentire una massiccia trasmigrazione dei risparmi italiani dall'euro al dollaro. Non pago i debiti e ritorno non alla lira, ma al fiorino.

 
09/04/2013 - coraggio, da cuore (Diego Perna)

Egr. Dott. Sapelli, breve ma esauriente articolo, solo una cosa Le vorrei far notare, banchieri finanzieri e tutti quelli che manovrano potere e quindi denaro, benoco hanno a che fare con il coraggio, ma molto con calcoli e convenienze limitate al loro stretto giro. Ma alcuni, forse ancora non l' abbiamo capito, non alcuni , ma molti . Lo dico a ragion veduta e per lamia esperienza di lavoro, lavoro che non ha piú valore, se non come funzionale, anche se solo numericamente o ideologicamente al mondo gestito come fosse una finanziaria. Evviva le borse e i mercati, cosa saremmo senza di loro e senza un liberismo che liberismo non é mai stato! Buona giornata e buona fortuna