BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ABOLIZIONE IMU/ Borghi: prepariamo il piano B “contro” l'Europa

Pubblicazione:

Olli Rehn (InfoPhoto)  Olli Rehn (InfoPhoto)

CANCELLAZIONE IMU Il commissario europeo Olli Rehn entra a piè pari nel dibattito sull’Imu in corso in Italia. Parlando a proposito di una possibile abolizione o parziale diminuzione dell’imposta sulla prima casa, ha rimarcato che “gli obiettivi di bilancio per l’Italia restano invariati”, aggiungendo che c’è “piena fiducia che il nuovo governo li rispetterà e lavorerà per facilitare l’abrogazione della procedura per deficit eccessivo”. Per il professor Claudio Borghi Aquilini, però, ancora una volta la Commissione europea si dimentica di fare i conti con l’economia reale.

 

Professore, che cosa non la convince?

Quando si parla di questi conti europei c’è qualcosa di profondamente sbagliato dal punto di vista del metodo. Attraverso il Fiscal compact e una serie di altri adempimenti, l’Italia si è vincolata a dei risultati che sono dati sempre dal rapporto deficit/Pil. Per quanto riguarda il pareggio di bilancio, l’Italia si impegna a un controllo della spesa ex ante, senza sapere quali saranno gli incassi ex post.

 

Che cosa significa in soldoni?

Può accadere, per esempio, che si decida di non consentire neanche un centesimo di debito in più. Se però la conseguenza è un calo del Pil, si riproduce ugualmente un buco di bilancio. E’ quanto era avvenuto con il governo Monti.

 

Ora però Letta è pronto per una nuova fase…

Il problema resta lo stesso di quando c’era Monti. Lo Stato recepisce qualsiasi indicazione Ue, tagliando su tutte le voci, e così facendo è convinto di avere fatto bene. A seguito di questa manovra il Pil, però, si contrae, facendo sì che il rapporto debito/Pil, anziché rimanere invariato, aumenti dal 120% al 127%. La conseguenza è quindi stata la stessa che se il governo Monti si fosse dato alle spese folli, anche se in realtà è successo esattamente il contrario. A essere sbagliata è quindi l’impostazione a monte.

 

Quindi, secondo lei, un bilancio di previsione è un’operazione impossibile?


  PAG. SUCC. >