BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

NUOVA BANCONOTA 5 EURO/ Com’è, cosa cambia e cosa succede alle vecchie banconote (video)

Domani, giovedì 2 maggio, in tutta Europa entreranno in circolazione le nuove banconote da 5 euro (già presentate a gennaio da Mario Draghi). Vediamo quali novità presenta

Il ritratto di Europa nella nuova banconota da 5 euroIl ritratto di Europa nella nuova banconota da 5 euro

Domani, giovedì 2 maggio, in tutta Europa entreranno in circolazione le nuove banconote da 5 euro (già presentate a gennaio da Mario Draghi). Si tratta di un piccolo restyling che contiene però dei dettagli nuovi utili a migliorare la sicurezza e a contrastare la contraffazione. Gradualmente verranno introdotte anche le nuove banconote relative agli altri tagli. Ricordiamo che le immagini riportate non raffigurano soggetti realmente esistenti: una scelta dettata dalla volontà di evitare polemiche proprio su monumenti che sarebbero stati nel caso scelti escludendone quindi altri. La caratteristica comune a tutti e sette i tagli è il tema dell’architettura europea in vari periodi storici (una porta sul fronte e un ponte sul retro, simboli rispettivamente di apertura e collegamento tra i diversi paesi). La banconota da 5 euro è dedicata all’architettura classica (quella precedente al V secolo).

La nuova banconota da 5 euro avrà lo stesso soggetto e i colori della precedente, ma nella filigrana e nell’ologramma è stato inserito il ritratto della principessa Europa, figura mitologica greca (divenne regina di Creta ed ebbe tre figli da Zeus, tra cui Minosse). Altro particolare importante è il fatto che il numero 5 cambia colore dal verde smeraldo al blu scuro e produce l’effetto di una luce che si sposta in senso verticale. La nuova banconota reca poi le iniziali della Banca centrale europea in nove versioni, contro le cinque della prima. Inoltre, la scritta euro è presente anche in alfabeto cirillico, per il sopraggiunto ingresso della Bulgaria nell’Unione. La mappa geografica dell’Europa sul retro ora include anche Malta e Cipro, isole che hanno adottato l’euro dopo la sua entrata in circolazione nel 2002.

La carta usata per fabbricare le banconote è fatta al 100% in pura fibra di cotone, che conferisce alla cartamoneta una lunga resistenza e una forte consistenza, riconoscibile anche al tatto. Sui margini laterali sono percepibili dei trattiniin rilievo che ne agevolano il riconoscimento, soprattutto per le persone con problemi visivi. La Banca centrale europea ha descritto solo alcune delle più evidenti caratteristiche di sicurezza presenti nelle banconote. La lista completa di queste caratteristiche è infatti coperta da segreto.

La nuova banconota da 5 euro circolerà in parallelo con quella vecchia. Piano piano gli esemplari di quest’ultima verranno ritirati dalla circolazione. Attendiamo quindi domani per questa novità, che potrebbe essere accompagnata dalla decisione della Bce di tagliare il tasso di interesse ufficiale. Alla pagina seguente un video sulla nuova banconota da 5 euro.