BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DEBITI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE/ No alla tassa sulle sigarette elettroniche, sì ai tagli all'editoria

Cambiamenti in atto per quanto riguarda il decreto relativo ai pagamenti dei debiti della pubblica amministrazione. Niente tasse sulla sigaretta elettronica, ecco le alternative

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Il decreto relativo ai pagamenti da parte dello stato dei debiti dovuti dalla pubblica amministrazione a molte imprese come si sa è in atto di revisione. Si tratta di riformulare alcuni emendamenti, nel dettaglio quello che riguarda come trovare fondi a copertura del patto di stabilità. Nei giorni scorsi si era parlato di una possibile accise da applicare alle sigarette elettroniche, in modo tale da arrivare a un adeguamento con quelle al tabacco. I relatori hanno però cambiato idea preferendo concentrarsi su possibili tagli all'editoria e all'8 per mille. Tra i tagli previsti quello per gli interventi strutturali di politica economica, il cosiddetto Ispe, con una riduzione di dieci milioni da applicare nel 2010 e di cinque milioni l'anno successivo. Altri tagli previsti dovrebbero essere applicati al ministero del lavoro (700 mila euro nel 2014 e 4,8 nel 2015) e al ministero degli affari esteri (4,3 milioni nel 2014 e 15,5 a decorrere dall'anno 2014). Per quanto riguarda il taglio all'editoria si tratterebbe di 20 milioni complessivi a incidere sui 111,8 previsti per gli aiuti pubblici in favore dei Paesi in via di Sviluppo.

© Riproduzione Riservata.