BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Bagnai: per salvarci "cacciamo" la Germania dall’euro

Pubblicazione:domenica 26 maggio 2013

Infophoto Infophoto

La prima volta di Letta al Consiglio europeo da premier è stata descritta, prevalentemetne, come un successo. Il presidente del Consiglio avrebbe strappato ai partner la promessa di un impegno per risolvere la piaga della disoccupazione giovanile che sarà concretizzato nel Consiglio straordinario di luglio. Gli eventuali stanziamenti potrebbero essere esclusi dal computo del deficit. Anche su questo fronte ci sono buone notizie. L’Italia, già la prossima settimana, dovrebbe uscire dalla procedura europea per deficit eccessivo. Potremo così alzare il nostro deficit sul Pil per il 2014 al 2,9%, rispetto al 2,4% inizialmente previsto. Abbiamo chiesto ad Alberto Bagnai, docente di Politica economica presso l'Università G. D’Annunzio di Pescara, se ci sia effettivamente da rallegrarsi.

 

Quello di Letta è stato, effettivamente, un successo?

Nonostante il negoziato su alcuni aspetti fiscali possa aver concesso un grado di libertà in più all’Italia, resta il fatto che le condizioni attuali del sistema monetario europeo impediscono qualsiasi tentativo di politica espansiva. Benché il nostro deficit di competitività sia elevato, infatti, non siamo in grado di svalutare. Di conseguenza, le nostre esportazioni calano, e non ci resta che indebitarci con gli altri paesi, dai quali dipendiamo sempre di piu.

 

Non crede che la possibilità di arrivare al 2,9% del rapporto deficit/Pil ci consenta un minimo di respiro?

 I margini di manovra sono molto più ristretti di quelli che vengono descritti dalla stampa che, dal canto suo, non fa altro che tentare di instillare una visione ottimistica. Si consideri che i vincoli europei sono sempre in rapporto al Pil, il quale è in caduta libera ormai da 7 trimestri. E siccome ogni volta i governi italiani hanno sovrastimato le previsioni di crescita, è lecito aspettarsi, anche quest’anno, una recessione più grave di quelle ipotizzata. Presumibilmente, quindi, sforeremo rispetto all’obiettivo del 3%. Insomma, se si procede su questo trend di decrescita, la procedura potrebbe riaprirsi.

 

A questo punto, cosa ci resta da fare?


  PAG. SUCC. >