BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPILLO/ Il "tesoretto" dell’Inps può abbassare le tasse: perché lo Stato non vuole incassarlo?

Pubblicazione:domenica 26 maggio 2013

Infophoto Infophoto

 

Prevedeva un versamento immediato di una quota parte del prezzo dell’immobile determinato a suo tempo dall’Agenzia del territorio. Il pagamento del saldo veniva dilazionato all'esito dei giudizi in corso.

 

 

Il che vuol dire che gli enti devono realizzare le dismissioni degli alloggi anche con un contenzioso in corso?

Precisamente. Non è casuale, per fare un esempio, che l'Inail stia continuando a vendere applicando anche la direttiva citata. Anche l'Inpdap, prima di confluire nell'Inps, vendeva. Da quando, un anno fa, tutti gli enti previdenziali sono stati accorpati nell'Inps, il suo capo, Dott. Mastrapasqua, tiene bloccate le vendite dirette.

 

Per quale ragione?

Sembrerà banale, ma l'Inps persevera nella sua inerzia trincerandosi dietro la difficoltà di non saper interpretare la normativa esistente. La verità è che si tratta di un pretesto. In gioco ci sono altri interessi.

 

Quali?

La verità è che Mastrapasqua avrebbe voluto far confluire anche il patrimonio ex-Scip nel fondo immobiliare ad apporto privato di tipo chiuso che aveva ideato nel 2008. Il piano però non gli è riuscito e intanto la gestione ordinaria del patrimonio da reddito dell'Inps continua a registrare perdite. Nel periodo 2009-2012 ammontano complessivamente a 142,5 milioni di euro.

 

Si è parlato di un fondo immobiliare da costituire per valorizzare il patrimonio edilizio pubblico. Com'è finita questa proposta?

Con molta lentezza sta andando avanti. Poco prima di andar via il Ministro Grilli ha firmato il decreto per la nomina del Presidente e del board della Sgr del Tesoro. Essa dovrebbe gestire il cosiddetto Fondo dei fondi in cui dovrebbe confluire il patrimonio immobiliare dello Stato e degli enti territoriali.

 

E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale?

Non mi risulta. Vuol dire che il governo non condivide il progetto di Mastrapasqua. E comunque per quanto riguarda il patrimonio degli enti previdenziali pubblici, se i ministri Saccomanni e Giovannini vogliono fare cassa, la via maestra è quella della vendita diretta dall'ente agli inquilini. Ulteriori ritardi non sarebbero più tollerabili. Guardi che sono già passati 17 anni.

 

Quali proposte sono state avanzate dalle associazioni e dai sindacati degli inquilini?


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >