BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ 2. Così la Germania (con l’euro) si è "mangiata" l’Europa in 12 anni

Infophoto Infophoto

Dunque la verità è che con l’Euro la Germania ha lucrato sull’indebitamento altrui (ti presto soldi per comprare Mercedes e Bmw attraverso le mie finanziarie), si è arricchita attraverso questo indebitamento, ha messo fuori uso le industrie concorrenti e poi, d’un tratto, al primo segno di crollo del sistema ha ritirato i capitali, come è avvenuto nel giugno del 2011. Di qui la crisi dei debiti sovrani; di qui la crisi politica intraeuropea; di qui il programma Omt su cui deve pronunciarsi ancora una volta la Corte tedesca.

La convocazione dell’emissario della Bce (e gli sbertucciamenti giornalistici a Draghi di questi ultimi giorni) davanti alla Corte tedesca fa capire che ormai in Europa, al di là delle foglie di fico dei vertici e del linguaggio anestetizzante delle burocrazie, ci sono degli Stati egemoni, che perseguono lucidamente un progetto di egemonia a discapito della (ormai ridicola) retorica europeista che vale ad ammantare il perseguimento di questo disegno. L’autorità monetaria che governa le politiche di quattro o cinque Stati in Europa ora si presenta con il cappello in mano davanti alla Corte tedesca promettendo di non spendere più di quanto voluto dal Parlamento tedesco.

A fronte di questa situazione, forse si capisce perché la Corte costituzionale italiana non abbia neanche pensato a seguire la strada del Tribunale tedesco dopo il 2009. Semplicemente non sarebbe stata creduta o presa sul serio. Il che, però, ci fa capire un’ultima cosa. Se nella vicenda dell’unificazione tedesca il ruolo di Stato egemone era stato svolto dalla Prussia, che ha finito per dominare la nascente federazione tedesca, oggi, nella vicenda della unificazione europea questo stesso ruolo è giocato in modo intenzionale e consapevole dalla Germania. Che semplicemente aspira a diventare la Prussia d’Europa.

Forse per questo i rivoluzionari tedeschi della Paulskirche gridavano nel 1848 “bisogna che la Prussia muoia perché la Germania viva”. Perché avevano già capito come sarebbe andata a finire. E come immancabilmente è finita. La Prussia non è morta. Ha fatto nel 1872 una Germania a suo uso e consumo. Però non le è servito granchè.

Adesso mi sa che ci risiamo.Gli inglesi, con tutti i loro problemi, lo hanno capito già da qualche anno. Noi, di solito, ci mettiamo più tempo.

© Riproduzione Riservata.